25.3 C
Trieste
mercoledì, 17 Agosto 2022

Case di riposo, Zalukar: “Ancora no alle visite dei familiari, incomprensibile”

14.06.2020 – 12.35 –Ciò che oggi appare incomprensibile è il trattamento che stanno subendo sia molti anziani e le loro famiglie, sia i gestori delle Case di riposo“.
A dichiararlo, in una nota, il consigliere del Gruppo Misto in Consiglio regionale Fvg Walter Zalukar che in proposito annuncia una interrogazione alla Giunta.
“E’ forse in atto il noto meccanismo dello scaricabarile, peraltro già adottato in occasione della nave fantasma? Chi si prenderà la responsabilità di far riprendere nelle Case di riposo
gli accoglimenti che sono fondamentali per la sopravvivenza di queste realtà che offrono un servizio fondamentale a tante famiglie garantendo assistenza alle persone anziane? Agirà la
Regione? L’Azienda sanitaria?”
Sono queste le domande che Zalukar intende porre all’Esecutivo, facendo il punto della situazione.

“Situazione e ruolo delle Case di riposo sono stati sotto la lente di ingrandimento durante l’emergenza Covid-19. Ricordiamo – sottolinea Zalukar – che nella stragrande maggioranza dei casi queste strutture hanno “subito” il virus, di provenienza verosimilmente per lo più ospedaliera, e che, in particolare a Trieste, il piano dell’Azienda sanitaria per le suddette
strutture è stato partorito appena il 27 marzo, decisamente tardi. Complessivamente le Case di Riposo, anche quelle piccole e inserite in contesti condominiali, hanno agito con prudenza e responsabilità in difesa dei propri ospiti e altresì fungendo da valida barriera alla diffusione del contagio. Certo – aggiunge -, ci sono stati alcuni casi, peraltro circoscritti, che hanno visto poche strutture con molti contagi, ma proprio il piccolo numero di residenze colpite conferma il buon andamento generale. Si ricorda, inoltre e per sgombrare il campo da fraintendimenti, che le case di riposo non sono delle strutture ospedaliere di terapia intensiva, ma residenze votate all’assistenza a prevalente contenuto sociale e non sanitario”.

In merito al trattamento che gli anziani e le loro famiglie stanno subendo, il consigliere regionale evidenzia che tuttora non risulta esserci la possibilità per le famiglie di far visita ai propri cari, ospiti delle residenze: “Dopo tutti questi mesi, il persistere di questa situazione – afferma Zalukar – sembra essere un’indecorosa mancanza di attenzione da parte della Regione e dell’Azienda Sanitaria. Molti anziani che hanno deficit cognitivi si sentono smarriti e abbandonati dalle famiglie e nonostante l’assistenza prestata loro dalla struttura, questa condizione di abbandono familiare ed affettiva rischia di deteriorare il loro stato di salute“.

“Quanto ai gestori delle Case di riposo – aggiunge l’esponente del Misto -, i protocolli in essere sono ancora quelli di aprile, con la pandemia in corso e che non prevedevano la possibilità di nuovi accessi alle strutture. Sebbene molte residenze abbiano elevato ed adattato gli standard, con notevole impegno economico, per adempiere a nuovi parametri di sicurezza e al fine di riprendere gli accoglimenti, il permesso di accogliere non arriva
da parte dell’Azienda sanitaria”.

Da qui l’interrogativo se sia per caso in atto il meccanismo dello scaricabarile già adottato in occasione della nave fantasma, ma anche su chi si prenderà la responsabilità di far riprendere nelle Case di riposo gli accoglimenti.

[c.s.]

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore