22.8 C
Trieste
lunedì, 8 Agosto 2022

#GiornataDellaLegalità: Questa sera, su RAI Storia, il ricordo di Emanuela Loi

23.5.2020 – 18:00 – Questa sera, alle ore 23:25, in occasione della #GiornataDellaLegalità, su RAI Storia, canale 54, andrà in onda il documentario ‘’All’Altezza degli Occhi’’, dedicato alla vita delle donne arruolatesi nella Polizia di Stato e di scorta a uomini delle istituzioni come giudici e magistrati, impegnati quotidianamente nella lotta alla criminalità organizzata. Il documentario si preannuncia come un viaggio attraverso la vita e la carriera di sei donne normali, che con dedizione e passione vivono il loro impegno civile giorno dopo giorno. Il programma sarà anche un omaggio ad Emanuela Loi, la prima poliziotta nella storia delle agenti in rosa italiane a rimanere uccisa in servizio. La sua storia è quella di una ragazza come tante altre, entrata in Polizia fin da giovanissima e che ha compiuto il suo mestiere con impegno e dedizione, fino al giorno in cui morì, in quella maledetta domenica di Luglio.

La storia:

Emanuela Loi, nata a Cagliari il 9 Ottobre 1967, è stata un’agente della Polizia di Stato, tra le prime donne ad essere inserite nel programma del servizio scorte. Dopo aver conseguito il diploma magistrale, entrò in Polizia nel 1989 frequentando il 119º corso presso la Scuola Allievi Agenti di San Giovanni, a Trieste. Due anni più tardi fu trasferita a Palermo. Le affidarono i piantonamenti a Villa Pajno a casa dell’onorevole Sergio Mattarella, la scorta alla senatrice Pina Maisano Grassi e il piantonamento del boss Francesco Madonia.

Nel Giugno del 1992 fu affidata al magistrato Paolo Borsellino. Emanuela non aveva paura del nuovo incarico ricevuto, tanto da rassicurare i genitori, dopo la strage di Capaci, che non le sarebbe successo nulla. Agente della scorta del magistrato, cadde nell’adempimento del proprio dovere il 19 luglio 1992. Con lei persero la vita, oltre a Borsellino, anche i colleghi Walter Eddie Cosina (muggesano), Agostino Catalano, Claudio Traina e Vincenzo Li Muli.

Il 5 Agosto 1992, con provvedimento postumo, le è stata conferita la Medaglia d’oro al valor civile per la dedizione e il coraggio espressi nel servizio, fino al sacrificio della propria vita.

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore