Serie C, per la ripresa il Consiglio Federale deciderà il 4 giugno

29.05.2020 – Come era ampiamente nell’aria, il vertice svoltosi ieri tra i massimi organi calcistici e il Ministro dello Sport ha annunciato la ripresa dei campionati di Serie A e Serie B e della Coppa Italia. Permangono invece ancora dei dubbi per quanto riguarda la ripresa della Serie C: la maggioranza dei club che competono nel terzo livello del calcio italiano non sono infatti in grado di applicare il protocollo sanitario, eccessivamente dispendioso per le casse delle società ma imprescindibile per assicurare la ripresa delle competizioni in piena sicurezza.

D’altra parte, l’insostenibilità economica del protocollo per le finanze delle società di Lega Pro non è assolutamente un mistero; anzi, proprio questo aspetto aveva spinto l’Assemblea della Lega Pro dello scorso 7 maggio a portare al Consiglio della FIGC la proposta di non riprendere il campionato, elaborando anche i criteri per promozioni e retrocessioni. Proposta che il Consiglio Federale ha cestinato, decidendo per la ripresa di tutti i campionati professionistici. Tuttavia, nel vertice di ieri che ha decretato la ripartenza dei campionati, ci si è resi conto che la realtà della Serie C è molto diversa rispetto a quella delle divisioni maggiori. Per decidere sulla ripresa della terza serie, dunque, servirà ancora del tempo.

Il 4 giugno si deciderà il destino della Serie C

A decidere per la ripresa della stagione o per la chiusura definitiva della Serie C sarà il Consiglio Federale in programma il prossimo 4 giugno. Molte società, comunque, si sono già espresse a riguardo: le misure sono insostenibili e, pertanto, nel direttivo delle Lega Pro in programma quest’oggi alle 12 (che ha il compito di trovare la proposta da presentare al Consiglio Federale e al quale dovrebbe prendere parte anche il Presidente Federale Gravina, come segno di distensione dei rapporti, dopo le tensioni degli ultimi mesi) i club proporranno, con molte probabilità, la chiusura della stagione regolare.

Secondo il portale Trivenetogoal, comunque, si va verso una proposta che contempli almeno la disputa dei playoff per decidere la quarta promossa in Serie B. Da capire ancora quali sarebbero, eventualmente, le modalità di disputa dei playoff: si disputeranno tutte e tre le fasi previste in situazioni di “normalità”? O si svolgeranno in formato “ristretto”? O ancora, saranno elaborate ulteriori formule per decretare lo svolgimento dei playoff? La decisione riguarda da vicino anche la Triestina: qualora si disputassero i playoff “integrali”, infatti, gli alabardati sarebbero tra le squadre interessate e potrebbero ancora inseguire il sogno Serie B. Non resta che attendere, dunque: già oggi, in ogni caso, si conoscerà la proposta delle società di Serie C in merito alla ripresa della stagione. Per la decisione finale, invece, bisogna attendere almeno il 4 giugno.