16.1 C
Trieste
venerdì, 30 Settembre 2022

Let Me Breath, musica che ‘respira’ con un clarinetto ‘leonardesco’

11.11.2019 – 12.48 – Leonardo da Vinci fu tra i primi a comprendere come l’aria fosse un fluido: in grado di allungarsi e restringersi, di cambiare forma, di sostenere persino un uomo… in volo. E allo stesso modo, soffiato in uno strumento musicale, di generare le più incredibili melodie. Saranno proprio quest’ultime a dominare il concerto previsto questo mercoledì 13 novembre, significativamente intitolato “La macchina dell’aria“. Un tributo al genio di Leonardo da Vinci, condotto attraverso un live electronics da Daniela Terranova e clarinetto basso dalla performer Chiara Percivati. L’appuntamento, alle ore 20.30, nella Sala Tartini del Conservatorio (via Ghega 12), viene promossa dall’Associazione Chamber Music Trieste con Chromas Associazione Musica Contemporanea, nell’ambito del cartellone autunnale dei Concerti del Conservatorio. L’ingresso è aperto al pubblico gratuitamente su prenotazione, info +39 040 6724911.

Dal genio di Leonardo da Vinci le due organizzatrici hanno concepito l’idea di aumentare e moltiplicare le potenzialità del clarinetto basso per trasformarlo in una ‘macchina ad aria’. L’intento è quello di creare una strutturapneumatica’: un organismo sonoro inquieto di cui si ascoltano i respiri e i sussulti, le trasparenze e le rugosità, in una texture cangiante che alterna suoni evanescenti e sottili a volumi concreti. La presenza elettronica si pone come un doppio della presenza fisica dell’interprete, aumentando e proiettando nello spazio il suono prodotto dallo strumento.

Clarinettista e performer, Chiara Percivati è un’interprete specializzata nel repertorio moderno e contemporaneo. Accanto all’opera di Terranova eseguirà brani di Stravinskij, Widmann, Globokar, Sciarrino, Treccozzi. L’artista si è esibita per i maggiori festival europei collaborando con direttori quali George Benjamin, Daniele Gatti, Peter Rundel, Marco Angius, Lucas Vis, Frank Ollu, Jonathan Stockhammer, Pierre-André Valade, Brad Lubman e Susanna Mälkki. Different Tubes, il suo progetto di ricerca artistica sulla preparazione di clarinetto e clarinetto basso, è stato recentemente ospitato dalla Harvard University, dall’Orpheus Institute di Gent e agli Internationale Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt.

Daniela Terranova, pianista e compositrice, ha studiato in Italia con Azio Corghi, perfezionandosi successivamente all’estero con Beat Furrer presso l’Universität für Musik und darstellende Kunst di Graz e di Vienna. I suoi lavori hanno ricevuto molti riconoscimenti, fra i quali il I premio al concorso internazionale Gianni Bergamo Classic Music Award (Lugano); il premio ‘Nuova Musica alla Fenice’; Menzione Speciale per la musica italiana – premio SIAE; il premio ‘Incontri Internazionali Franco Donatoni’ (Milano); il Premio Banca Monte dei Paschi di Siena (Accademia Chigiana); il I premio al concorso nazionale ‘Kinderszenen’ (CIDIM, 2009). La sua musica è eseguita in numerosi festival e all’interno delle più prestigiose stagioni musicali europee. Dal 2012, le sue opere sono edite dalla casa editrice Suvini Zerboni-Sugar Music di Milano.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore