Balcani, Ince premia il giornalismo investigativo a tema ‘ambientale’

06.11.2019 – 08.33 – Non c’è giornalismo più al servizio dei cittadini di quello investigativo e maggiormente pericoloso di quello ambientale, per l’intersezione tra criminalità, governo e interessi delle multinazionali. Una tematica evidente nei vincitori del Premio Ince (Iniziativa Centro europea) e South East Europe Media Organisation (SEEMO).
L’Ince, organismo internazionale volto a sviluppare i rapporti tra il centro-est Europa e l’Italia, con sede proprio a Trieste, ha assegnato i premi. Ermin Zatega (Bosnia Erzegovina) e Mubarek Asani (Macedonia del Nord) hanno vinto la sezione “Professional Journalists” e Arlis Alikaj (Albania) quella degli “Young Professional Journalists“.
La cerimonia si è svolta a Zagabria nel corso della prima giornata dell’appuntamento annuale sul giornalismo di South East Europe Media Forum (Seemf).

Zatega e Asani hanno indagato un caso di rifiuti tossici transnazionale tra Bosnia e Macedonia, causato dalle compagnie chimiche della regione di Tuzla. I rifiuti, mai smaltiti come avrebbero dovuto, contaminano ora l’intero settore.
Alikaj invece ha smosso le acque in Albania, indagando il disboscamento illegale in atto da tempo nel più importante parco nazionale albanese, Shebenik-Jabllanice, sito del patrimonio mondiale UNESCO. Per il suo lavoro, Alikaj ha subito intimidazioni e minacce.
Una menzione speciale, infine, per Jagoda Bastalic, dalla Croazia, che ha scoperto come si volesse investire per la creazione di un impianto di trattamento di rifiuti in un cantiere navale che già non trattava i rifiuti secondo le normative ambientali, il tutto a Obrovac, in un’area naturale.
La giuria ha anche menzionato i giovanissimi Dina Djordjevic e Vladimir Kostic, entrambi dalla Serbia, per il coraggio nell’investigare diversi scandali ambientali, nonostante le continue minacce.

Quest’anno sono giunte alla giuria 23 nominations da 11 Paesi, a conferma del grande impatto nell’area balcanica del premio Ince.

(Fonti: Cei, Ermin Zatega (Bosnia and Herzegovina) and Mubarek Asani (North Macedonia) and Arlis Alikaj (Albania) win CEI SEEMO Award for Outstanding Merits in Investigative Journalism 2019)