8.4 C
Trieste
giovedì, 1 Dicembre 2022

Pallanuoto Trieste, sconfitta “soddisfacente” contro la Pro Recco

17.10.2019 – Tutto come da copione. Nessun risultato rocambolesco nell’anticipo della seconda giornata del campionato maschile di Serie A1, come da pronostico vincono i super-campioni della Pro Recco, che infliggono un perentorio 19-8 alla Pallanuoto Trieste. La squadra di Bettini, comunque, esce dalla Piscina Comunale di Sori con fiducia, consapevole di aver fatto una buona gara, soprattutto negli ultimi due periodi. “Siamo abbastanza soddisfatti della prestazione – spiega il d.s. Andrea Brazzatti a fine gara – abbiamo giocato un buon match al cospetto di una squadra tra le più forti in assoluto a livello europeo.”.

I padroni di casa vanno subito in vantaggio, sbloccati da Aicardi che ne segna due, seguito da Di Fulvio in controfuga e Mandic in superiorità, inframezzati dal rigore sbagliato di Gogov. Petronio prova a svegliare Trieste accorciando sul 4-1, ma Figlioli, Luongo e Mandic stroncano le speranze, sigillando il 7-1 dei primi 8′. Il vantaggio ligure aumenta a dismisura a inizio secondo periodo, quando segnano Echenique (doppietta per lui), Aicardi (che va in gol a seguito di una controfuga) e Di Fulvio. Con nulla da perdere e il risultato già compromesso, Bettini decide di buttare nella mischia il giovane Lorenzo Zadeu, all’esordio in A1. Trieste sembra scuotersi, trainata soprattutto da Petronio che, prima, serve Vico in posizione di boa per l’11-2, poi trova il gol personale da posizione defilata. Prima della sirena c’è tempo per la rete di Dobud, che ferma il risultato di metà partita sul 12-3.

Il terzo periodo si apre ancora con un gol della Pro Recco, con Luongo, ma stavolta regna molto più equilibrio: Vico risponde, ancora Luongo trova il 14-4 e Petronio, rubato un pallone a metà campo, manda in porta Milakovic per il 14-5. È un rigore, a 10″ dalla fine del tempo, che permette a Di Fulvio di segnare il 15-5. Nell’ultimo parziale entra in porta Persegatti, mentre l’inerzia della gara rimane la stessa. Vanno a segno Di Somma, Panerai dalla distanza, Aicardi, Gogov su rigore, Mandic, Di Fulvio su rigore e Podgornik su azione personale e il risultato, alla sirena finale, è di 19-8 per la compagine ligure.

Risultato prevedibile, quello di Sori: d’altronde, la Pro Recco è una delle squadre più forti d’Europa e i trofei che ogni anno ne arricchiscono la bacheca ne sono una prova. La sconfitta, dunque, era stata ampiamente preventivata e non lascia scorie negative, anzi. La prestazione di Petronio e compagni, infatti, è stata più che positiva, per l’intensità messa in vasca e per l’impegno, il carattere dimostrato nonostante la forza degli avversari, al punto da riuscire a giocarsela quasi alla pari negli ultimi due periodi. Una partita, questa, che testimonia la crescita della squadra giuliana rispetto al passato e che lascia buone sensazioni in vista dei prossimi impegni, decisamente più alla portata, a cominciare da quello del prossimo mercoledì 23 ottobre, quando – alle 20,30 – gli alabardati riceveranno il Posillipo alla piscina “Bruno Bianchi”.

Pro Recco – Pallanuoto Trieste 19-8 (7-1; 5-2; 3-2; 4-3)
Pro Recco:
 Massaro, Di Fulvio 4, Mandic 3, Figlioli 1, Fondelli, Velotto, Renzuto, Echenique 2, Di Somma 1, Dobud 1, Aicardi 4, Luongo 3, Prian. All.: Rudic.
Pallanuoto Trieste: Oliva, Podgornik 1, Petronio 2, Rocchi, Panerai 1, Turkovic, Gogov 1, Milakovic 1, Vico 2, Mezzarobba, Zadeu, Mladossich, Persegatti. All.: Bettini.
Arbitri: Pascucci e Guarracino.
Note: nessuno uscito per limite di falli; nel primo periodo Gogov (T) ha sbagliato un rigore; superiorità numeriche Pro Recco 4/6 + 2 rigori, Pallanuoto Trieste 0/2 + 2 rigori.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore