22.1 C
Trieste
martedì, 5 Luglio 2022

“Corsa dei Castelli”, domenica a Trieste la terza edizione

22.10.19 – 19.06 – Mancano pochi giorni alla terza edizione della Corsa dei Castelli, manifestazione di atletica leggera di corsa su strada organizzata dall’associazione sportiva Promorun in collaborazione con il Comune di Trieste e la Regione Friuli Venezia Giulia, valevole come campionato regionale su strada e inserita nel calendario nazionale FIDAL. Si tratta anche in questo caso di una ‘gara nella gara’ con una parte competitiva di 12 chilometri e una sezione non competitiva di 8 chilometri, che prenderanno entrambe il via questa domenica 27 ottobre alle 10, con ritrovo alle 8.30, dal Castello di Miramare. Ne parliamo presso lo stand allestito in Piazza della Borsa con Michele Gamba, fondatore e anima di Promorun stessa, atleta che fra i suoi titoli vanta quello di campione mondiale a squadre nella mezza maratona e corsa campestre ed è detentore del record italiano della 20km su strada.

Michele, come si presenta e com’è organizzata questa terza edizione della corsa?

“Come ogni anno, la parte competitiva della gara è ad altissimo livello, con partecipazione di campioni italiani e importanti atleti africani. Dopo la partenza di entrambe da Miramare, la parte non competitiva si concluderà davanti a Piazza Unità, all’altezza della Scala Reale; la gara competitiva invece proseguirà e con l’ultimo, impegnativo tratto terminerà al Castello di San Giusto. Da castello, a castello”.

La tradizionale parte non competitiva, quindi, c’è anche quest’anno.

“Certamente. Una gara non competitiva che è aperta a tutti, a tutte le età. Che porta con sé tantissimi valori, non solo quelli sportivi ma sociali con iniziative di beneficenza e di solidarietà. Da quest’anno, aderiamo al progetto avviato dalla sanità triestina attraverso l’Asuits, ‘Trieste in movimento‘, che vuole occuparsi della salute e della prevenzione e promuovere stili di vita sani attraverso l’attività fisica e proprio lo sport non agonistico. Per la solidarietà, lavoriamo assieme a Telethon, alla quale verrà destinata una parte degli introiti economici. Ci sono anche molte altre associazioni e realtà sportive della presenza delle quali siamo molto felici: fra loro la Ginnastica Triestina, una presenza prestigiosa.

C’è appunto nella corsa, la Ginnastica Triestina con il suo presidente, Massimo Varrecchia. Varrecchia, che cosa porta la Ginnastica in gara?

“L’adesione completa allo spirito dell’iniziativa che ha descritto Michele. Abbiamo riunito un piccolo gruppo di una ventina di appassionati che parteciperanno alla gara non competitiva: una… ‘veloce passeggiata’ assieme, per portare un nostro contributo simbolico come realtà sportiva che della Promorun condivide i valori. Scherzi a parte, ci saranno anche atleti delle nostre altre discipline sportive, con le loro famiglie: due ragazzi, uno è della nuova sezione di atletica, parteciperanno anche alla corsa competitiva e vedremo come si posizioneranno nella sfida con gli altri”.

Michele, che cosa ti emoziona di più nella corsa?

“Ho un ricordo bellissimo di momenti che si sono ripetuti molte volte, in molte gare: la sensazione di piacere che dà correre assieme ad altre persone, anche di capacità atletica inferiore alla tua. La festa”.

Nessuna polemica in questa corsa sulla provenienza di chi partecipa?

“Nessuna. Soprattutto pensando all’Africa. Le mie origini sono eritree, si può vedere bene; sono nato a San Donà di Piave, e ho sempre vissuto a Trieste. Io sono triestino: mia madre è stata adottata da una famiglia di triestini nel 1948. Non serve dire altro. Lo sport è bello perché accumuna”.

C’è la possibilità, per gli atleti italiani, di competere con quelli africani?

“L’Africa è un continente molto grande, quindi dire ‘Africa’ vuol dire un po’ tutto e un po’ niente. Gli atleti più forti in questo momento vengono dal Kenya e dall’Etiopia; anche in Italia abbiamo degli atleti molto capaci, recentemente Crippa ha ottenuto il record italiano sui 10 mila metri: la possibilità quindi c’è, anche se indubbiamente è una competizione veramente difficile. A Trieste si presenteranno degli atleti africani di buon livello, ma se la giocheranno comunque ad esempio con Paolo Zanatta, che ha vinto l’anno scorso i campionati italiani”.

Una corsa, quella dei Castelli, che non dimentica l’ambiente.

Si, con ‘Un’Altraitalia Ambiente’ e ‘Fare Ambiente’ e con il gruppo Illiria per la raccolta delle plastiche.

Quanti sono i partecipanti previsti?

Nella parte competitiva della corsa abbiamo già battuto il record di iscritti dell’anno scorso e siamo attorno alle 700 persone. Nella non competitiva i numeri stanno crescendo in modo esponenziale, grazie anche alle collaborazioni come quella con Confcommercio e tantissime realtà, una diversa dall’altra. E naturalmente alle belle giornate e a questa coda dell’estate dentro all’autunno. E domenica sarà una bella giornata.

Eventi particolari. Ci sarà qualcosa di frizzante?

“L’arrivo! Alla fine della corsa non competitiva ci sarà una grandissima festa, con musica, ristoro e momenti passati assieme. Regaleremo i nostri gadget e quelli degli sponsor ai bambini e sarà sicuramente un momento bellissimo, a conclusione di una bella manifestazione, destinata a crescere. La manifestazione avrà luogo con qualsiasi condizione atmosferica e saranno naturalmente garantite la presenza del medico ed il servizio ambulanza”.

[r.s.]

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore