Cina, Dipiazza incontra il vicesindaco della città-porto Shenzhen

18.10.2019 – 16.40 – Una delegazione di una città-porto visita una sua ‘sorella’, altrettanto versata nel commercio: la prima città vanta venti milioni di abitanti, la seconda duecentomila. Tuttavia, per la posizione geografica e per l’eccellenza scientifica, la seconda gioca ad armi pari nelle trattative. E’ il quadro delineatosi oggi a Trieste quando una delegazione della città-porto di Shenzhen, della Repubblica Popolare Cinese, ha incontrato il Sindaco Roberto Dipiazza. Un incontro intenso e, a detta dei rappresentanti comunali, ‘fruttuoso’, specie per le intenzioni cinesi di procedere senza quegli indugi burocratici propri dell’Italia e dell’Unione Europea. Specificatamente Roberto Dipiazza ha incontrato il Vicesindaco Ai Xuefeng, di Shenzhen; erano anche presenti gli Assessori alle Attività Economiche, Teatri ed ESOF 2020 Serena Tonel e all’Urbanistica e Ambiente Luisa Polli.

Il sindaco Dipiazza ha illustrato i punti di forza della città: a partire dal porto e dalle sue infrastrutture ferroviarie, evidenziando poi la profondità dei fondali e il settore crocieristico-turistico, oltre che l’eccellenza della ricerca scientifica, vero e proprio ‘hub‘ non solo della Regione, quanto d’Italia.
L’assessore Luisa Polli ha poi evidenziato i vantaggi triestini della Zona Franca Internazionale, mentre l’assessore Serena Tonel ha calcato a sua volta la mano sull’argomento ‘scientifico’, evidenziando la crescita della città nel campo della ricerca e della tecnologia, con un occhio a ESOF2020.

Il capo delegazione di Shenzhen, il Vicesindaco Ai Xuefeng, ha dal canto suo evidenziato le principali caratteristiche di una metropoli costiera che conta quasi venti milioni di abitanti, situata alla foce del Fiume delle Perle e immediatamente confinante con la sottostante Hong Kong, città anch’essa portuale, dove sono attualmente in corso – ha svelato – ulteriori grandi costruzioni di strutture marittimo-portuali, ma anche fortemente dedita sia alla logistica che alla crocieristica e al turismo.
E proprio in tal senso, lo scopo della visita a Trieste è stato quello – ha spiegato il Vicesindaco Xuefeng – di un incontro fra città al fine di stabilire nuove relazioni economiche e commerciali ma anche scientifiche e tecnologiche – particolarmente nel settore dell’hi tech, nonché turistiche e culturali.

Intanto, dopo l’incontro in Municipio, gli ospiti cinesi hanno compiuto un ampio giro conoscitivo dei diversi aspetti e realtà del nostro territorio, recandosi al Porto Vecchio e all’area del prossimo ESOF, incontrando anche rappresentanti dell’Autorità Portuale e della Regione FVG, e poi al Centro di Fisica Teorica, passando per una visita al Castello di Miramare, e ancora, a Padriciano, al Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologia (ICGEB) e all’Area Science Park, con una tappa finale al Sincrotrone “Elettra”.