11.4 C
Trieste
lunedì, 5 Dicembre 2022

Pensionato, raggira lo Stato ed evade tasse per 2 milioni di euro

03.09.2019 – 15.00 – Evasione fiscale internazionale, emissione di fatture false, autoriciclaggio, riciclaggio e attribuzione fraudolenta per un totale di più di 2 milioni di euro, queste le accuse mosse dalla Guardia di Finanza del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Gorizia, a un pensionato di 80 anni e alla sua giovane compagna. Da quanto emerso dalle indagini, il pensionato aveva un ruolo di negoziatore internazionale, completamente sconosciuto al fisco italiano, che portava aventi per diversi clienti sia italiani che esteri. Le sue attività di consulente gli avevano permesso di mettere da parte un bel “gruzzoletto”, senza versare nelle casse dello Stato italiano neanche un centesimo, riuscendo così a ricavare circa 2 milioni di euro.

Secondo quanto scoperto dagli Agenti della Finanza, l’anziano si sarebbe avvalso di società “schermo” estere in modo che le sue attività non fossero rintracciabili, trasferendo quindi il denaro tramite una società “off shore”, prima in Croazia e poi in Slovenia. Le ricchezze raccolte erano poi state reinvestite in altre attività con sede all’estero in modo da sviare eventuali controlli, usando i dati della compagna come “prestaconto” per riciclare e poter disporre dei contanti. Il pensionato è stato quindi accusato anche di autoriciclaggio ed attribuzione fraudolenta di valori, sono in corso ulteriori verifiche da parte della locale Autorità Giudiziaria.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore