Parigi e la Loira, le giornate fra i tesori. Con Julia Viaggi.

27.09.2019 – 15.58 – [inserzione sponsorizzata] La Tour Eiffel. Gli Champs Elysees. O magari la Reggia di Luigi XIV? La Francia non solo offre così tanti gioielli per chi sogna di visitarla da rendere impossibile preferirne uno solo, ma soprattutto è in grado di soddisfare qualunque tipo di esigenza turistica voi abbiate. Raffinatezza? Natura? Eleganza? Maestosità? Storia? Modernità? Tradizione? Indifferentemente da ciò che cercate nel prossimo viaggio, potrete trovarlo negli innumerevoli tesori della Francia, scintillanti, vividi, maestosi.
Con Julia Viaggi, Parigi, viene da sé, è ovviamente imprescindibile, con tutti i monumenti, i sontuosi palazzi e le piazze che hanno reso questa città una delle più famose al mondo. Place de la Concorde, Chiesa della Maddalena, Place Vendome, la Cattedrale di Notre Dame, il Quartiere Latino, il Pantheon, i Giardini ed il Palazzo del Luxembourg, la Tour Eiffel, simbolo della città e l’arco di Trionfo che domina la famosa Avenue Des Champs Elysees: sono tutti lì ad attendervi e ognuno merita di essere visto e ammirato.

Nella Reggia di Versailles, circondata da stupendi giardini e fontane, è possibile godersi i grandi appartamenti del re, la sala del Trono, la Galleria degli Specchi, la camera di Luigi XIV e gli appartamenti della Regina. Da Versailles, poi, non si può non spostarsi verso Chartres, per visitare la splendida cattedrale patrimonio mondiale dell’UNESCO, dove le vetrate medievali raccontano la storia dell’antico e del nuovo testamento e al suo interno la pavimentazione della navata centrale emerge per il suo disegno cabalistico del labirinto medievale. I gruppi scultorei che la decorano ripercorrono inoltre la storia della chiesa, delle arti e della scienza, rendendo la cattedrale un vero e proprio luogo di culto e di cultura. Indimenticabile.
Nella regione della Loira è possibile respirare come in pochi altri luoghi al mondo l’atmosfera fiabesca dei maestosi castelli e della corte reale. Se siete alla ricerca di quel tipo di emozioni, allora sappiate che qui troverete davvero di che gioire. Ad Amboise è imprescindibile la visita del castello reale, che sorge su uno sperone roccioso dominante la Loira. Il castello di stile gotico è tra l’altro molto conosciuto, perché vi abitò Leonardo da Vinci. Uno dei manieri più famosi della Loira è a Chenonceaux, conosciuto grazie alla sua architettura, i suoi arredi interni, nonché per la sua storia e la sua posizione sul fiume Cher.
Una fortezza che è decisamente impossibile da non visitare è quella di Angers, dove è conservato il gigantesco e magnifico arazzo dell’apocalisse. E da lì si può partire per Rennes, la capitale della Bretagna.
Molto suggestiva è Saint Malo, la perla della Côte d’Emeraude, i cui resti hanno ispirato i più grandi avventurieri e scrittori celebri come Chateaubriand. In passato Saint Malo fu sede dei corsari, mentre oggi emerge per la Tour des Remparts, che ha garantito l’indipendenza e la sicurezza della città dai molteplici tentativi d’invasione da parte degli inglesi. Da Saint Malo, ecco che si parte alla volta di Mont Saint Michel. Patrimonio mondiale dell’umanità dal 1979, è un bellissimo e spettacolare complesso monastico – attorno al quale sorge un piccolo villaggio – costruito sopra una piccola isola rocciosa. La caratteristica di questo isolotto è che, in base all’altezza della marea, può essere totalmente circondato dalle acque o viceversa da un’immensa distesa di sabbia. L’intero sito è classificato come monumento storico sin dal 1862 ed è il sito turistico più visitato della Normandia.
Da Caen (dove si possono ammirare i resti della famosa fortezza medievale che fu sede monarchica del grande Guglielmo il conquistatore, l’Abbaye aux Hommes) è possibile, a proposito, prendersi una giornata “particolare” che esce dagli schemi dei percorsi turisti classici e dedicarla allo storico sbarco in Normandia. Dal Memoriale di Caen, dove è possibile assistere ad un film che spiega nel dettaglio questo giorno fondamentale, è possibile partire alla volta delle spiagge dove avvenne il D-Day, dove avvenne lo sbarco degli alleati durante la Seconda Guerra Mondiale. Da lì, si può visitare il famoso cimitero americano per poi proseguire verso Arromanches, dove gli alleati hanno costruito un porto artificiale. Sempre a Caen ci si può dedicare a un giro panoramico della città, per ammirare anche i resti della famosa fortezza medievale nonché sede monarchica del grande Guglielmo il conquistatore, l’Abbaye aux Hommes. Trasformata in liceo nel XIX secolo, dal 1840 è classificata monumento storico di Francia.
Per chi volesse invece godersi un’atmosfera più bucolica non c’è di meglio che concedersi un tour verso il pittoresco comune di Honfleur, anche in questo caso nella regione della Normandia, tanto amato da numerosi pittori (tra cui Monet, per citarne uno) grazie ai suoi scenari incantevoli sul paese e sul mare. La prima menzione scritta di Honfleur, tra l’altro, è una citazione di Riccardo III, duca di Normandia nel 1027.
Gli esempi di ciò che si può visitare in Francia, come potete facilmente intuire, potrebbero non fermarsi qui. Arti, cultura, paesaggi, c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Per di più, è anche possibile che partiate con l’intenzione di assaporare il luogo in un certo modo e vi scopriate, una volta sul posto, col desiderio di viverlo in un altro modo. Come abbiamo già detto, la Francia è ricolma di tesori. Dovete solo trovare il vostro.

[i.s.]