27.7 C
Trieste
mercoledì, 29 Giugno 2022

Esame Sambenedettese per la Triestina, Pavanel “Pronti alla battaglia”

01.09.2019Seconda giornata di campionato alle porte, per le squadre impegnate in Serie C, che scenderanno in campo questo pomeriggio. Per la Triestina, dopo la vittoria inaugurale contro il Gubbio, l’avversario odierno è la Sambenedettese, anch’essa vincente all’esordio (1-3 a Fano, sul campo dell’Alma Juventus). Sulla carta una gara che vede favoriti gli alabardati, ma, come dimostra la vittoria nel derby marchigiano alla prima giornata, la Sambenedettese è una squadra tosta.

A mettere ulteriormente in guardia Pavanel e i suoi ragazzi dal sottovalutare la squadra marchigiana i precedenti: nelle tredici occasioni in cui la Triestina è stata ospitata dalla Samb, soltanto una volta gli alabardati sono tornati a casa con il bottino pieno, nel primo confronto in assoluto tra le due società: era il 1957 e i giuliani, guidati allora da Olivieri, ne vinsero per 5-1. A dirigere l’incontro sarà il signor Gariglio, della sezione AIA di Pinerolo, assistito dai guardalinee Basile di Chieti e Di Giacinto di Teramo. Con Gariglio, la Triestina ha due precedenti risalenti all’anno scorso, entrambi positivi: il fischietto ha infatti diretto le vittoriose gare contro il Monza (3-1 alabardato il 9 febbraio) e contro il Teramo (sconfitto lo scorso 28 aprile per 3-2).

“Andiamo in un campo difficile contro una squadra attrezzata benissimo – ha confermato nella conferenza stampa prepartita l’allenatore giuliano Massimo Pavanel – avranno sicuramente lo spirito del loro allenatore (l’ex calciatore juventino, Paolo Monterondr) ma io spero che la mia squadra abbia il mio, perché io sono pronto alla battaglia. È un campionato bellissimo perché ogni domenica è difficile e anche per questo deve essere un piacere andare a giocare queste partite, perché ti puoi confrontare e puoi competere, e se competi puoi crescere.”.

La Triestina vista contro il Gubbio ha mostrato di non essere ancora al 100% delle proprie possibilità dal punto di vista fisico: proprio su questo aspetto Pavanel ha voluto approfondire: “Ci sono sempre aspetti da mettere a punto, in questo momento la cosa importante è continuare a crescere a livello di condizione atletica, questo ti permette di migliorare anche sotto il profilo delle distanze in campo e sull’aspetto tecnico-tattico. Cinque cambi? I calciatori devono metabolizzare e capire questo concetto, pensando che anche un contributo di 45 minuti può essere importante per il bene della squadra.”.

In campionato, la Triestina è data per favorita. Il rischio è quello di lasciarsi andare a facili entusiasmi dopo qualche successo o, all’opposto, di demoralizzarsi alle prime difficoltà. Per fronteggiare questo rischio, Pavanel dà la sua ricetta: “Dobbiamo avere sempre grandissimo equilibrio, senza fasciarsi la testa e senza voli pindarici, preparando al meglio ogni partita di volta in volta. Abbiamo lavorato bene, i ragazzi li ho visti carichi e andremo a fare una bella partita.”.

Il tecnico nativo di Portogruaro risponde poi a tutti quelli che, da inizio stagione, danno gli alabardati come assoluti favoriti nel proprio girone: “Lo scaricabarile di darci per favoriti? Ribadisco, chi ci vuol bene ragiona come chiedo io alla squadra, vale a dire umile, concentrata e compatta, pronta ad affrontare ogni avversario con la stessa determinazione. Chi ci vuol male vorrà probabilmente cercare degli appigli e liberarsi di qualche responsabilità – afferma il tecnico, che poi si lascia andare a delle considerazioni sul valore del campionato – Io credo che questo sia un campionato molto equilibrato e competitivo con tante squadre che lotteranno per il vertice e noi tra queste, ma anche le altre vogliono essere protagoniste e non credo siano contente di stare a guardare. Noi ci assumiamo la responsabilità di voler affrontare un campionato di vertice, lo facciano anche gli altri. Poi chiaramente si può riuscire  o fallire, l’importante è farlo assumendosi le proprie responsabilità, da uomini liberi.” ha concluso il tecnico.

Ventidue i convocati per la trasferta di San Benedetto: Offredi, Formiconi, Frascatore, Paulinho, Malomo, Lambrughi, Steffè, Beccaro, Granoche, Ferretti, Mensah, Codromaz, Hidalgo, Scrugli, Beccaro, Matosevic, Gatto, Giorico, Gomez, Vicaroni, Procaccio, Costantino.

 

 

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore