12.3 C
Trieste
mercoledì, 28 Settembre 2022

Facebook down again, nuovi problemi con la piattaforma globale di Zuckerberg

03.07.2019 – 19.50 – Ieri l’ora del pranzo era stato il momento del ‘down’ della popolare piattaforma di ottimizzazione Cloudflare, durato circa 30 minuti, che aveva coinvolto nel disservizio moltissimi siti di diffusione di contenuti multimediali e notizie – fra cui il nostro – lasciando però libero accesso alle News ai… più lenti, e a chi accede ai siti direttamente attraverso App e servizi di ricezione di email e feed. Tagliando fuori la gran parte dei contenuti rilanciati via Social Media e via aggregatori. Oggi è il momento dei Social Media stessi, e in particolare di un nuovo stop dell’intera piattaforma ‘sociale’ per eccellenza, quella di Mark Zuckerberg, che segue altre interruzioni di servizio verificatesi nei mesi scorsi, la più importante delle quali a marzo. Dalle 16 di oggi, e tuttora in alcune condizioni e locazioni geografiche, gli utenti di Facebook, Instagram e Whatsapp, tutti e tre strumenti di proprietà dell’azienda di Zuckerberg, sono rimasti ‘tagliati’ fuori e hanno visto scomparire temporaneamente contenuti, ricevuto messaggi d’errore, riscontrato malfunzionamenti. Colpita in pieno anche l’Italia, con segnalazioni di problemi soprattutto nell’area di Milano ma non solo: sono ‘scomparsi’ i post, le ‘story’, le ‘chat’ ed è risultato impossibile scaricare i contenuti, le foto e i file. Le tre piattaforme sono in fase di integrazione, e l’obiettivo di Zuckerberg, che pochi giorni fa ha annunciato la sua (impropriamente così definita) ‘criptovaluta’, Libra (la quale virtualmente ‘libera’ Zuckerberg dalle necessità di aderire alle regole del mondo finanziario internazionale e gli concede di fatto il diritto, una volta riservato ai re e agli imperatori, di batter moneta) è di creare un qualcosa, una ‘super-App’, che fa tutto. Anche di più. Compreso bloccare tutto se per qualsiasi motivo non dovesse funzionare e tagliar fuori dall’operatività eventuali aziende che vi si fossero appoggiate. Compresi i media e i giornali che usano Facebook come veicolo principale dell’informazione. C’è abbastanza su cui meditare; per un po’, fin che Facebook e Instagram e Whatsapp non riprendono a funzionare, e poi via, dimentichiamoci di nuovo del fatto che si tratta di una grande azienda a capitale privato, senza regole chiare e fuori dalla supervisione dei governi nazionali. Fino al prossimo stop.

[aggiornamento del giorno dopo: problemi risolti dopo circa 15 ore, così stando all’azienda californiana anche se alcuni utenti continuano a segnalare il permanere di disservizi. Facebook non ha fornito alcuna spiegazione per il problema verificatosi limitandosi ad escludere attacchi informatici]

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore