VI edizione di TACT, il Festival Internazionale di Teatro (non competitivo), al Teatro Stabile Sloveno

01.06.2019 – 08.30 – E’ giunto quest’anno alla sua sesta edizione il TACT – Festival Internazionale di Teatro, organizzato dal CUT di Trieste, che si svolgerà dal 9 al 15 giugno, presso il Teatro Stabile Sloveno di Via Petronio 4.

Un festival non competitivo e all’insegna del teatro, che si delinea essere un vero e proprio baratto artistico, in un’ottica di scambio di conoscenze e tradizioni, che vedrà la partecipazione di dieci compagnie teatrali, con oltre cento attori nazionali ed internazionali che porteranno sulla scena imperdibili spettacoli in lingua originale.

Sarà quindi un luogo di sperimentazione artistica quello che andrà a crearsi nel corso del TACT Festival, un’occasione per aprire con coraggio le porte e far entrare il diverso, obiettivi che ben si adattano alla città di Trieste, in vista soprattutto dell’aspetto multiculturale che da sempre caratterizza la città, che vedrà per l’occasione le sue vie e le sue piazze popolate da altre culture e lingue, attraverso un’esperienza indirizzata alla scoperta di nuove frontiere in perenne e continuo cambiamento ed evoluzione.

Mashhad Musical Theater

Dal 9 al 15 di giugno il Teatro Stabile Sloveno sarà animato dalla numerosa presenza di attori, musicisti, registi, tecnici, volontari e chiunque vorrà accompagnare anche quest’anno gli organizzatori in questa full immersion nell’arte teatrale.
A salire sul palco saranno nel complesso dieci compagnie provenenti da tutto il mondo: dall’Academy of Arts Belgrade dalla Serbia, agli Champ Libre dalla Francia, agli Attitude dall’Ungheria, al Teatro degli Sterpi da Trieste, agli Studiya.project e The North Caucasus Branch of the National Centre for Contemporary Art dalla Russia, al Mashhad Musical Theater Group dall’Iran, a Versus, Evoé!Teatro e Arlecchino Errante dall’Italia fino ai MiniTeater dalla vicina Slovenia.

Gli spettacoli avranno per l’occasione sovratitoli in inglese e in italiano, con l’obiettivo di permettere a tutto il pubblico presente agli spettacoli di godere delle esibizioni.

Il programma vedrà la messa in scena di due spettacoli ogni sera, il primo alle ore 18.30 ed il secondo alle ore 21.30; il mattino inoltre, si svolgeranno sette workshop formativi, a cura di illustri registi nazionali ed internazionali, che ben si inseriscono nella filosofia del Festival, inteso come momento di formazione e di condivisione delle conoscenze, focalizzando la propria riflessione su quello che è il corpo dell’attore nello spazio, al riavvicinamento dell’uomo alla natura, all’utilizzo della voce; fino a temi quale la Commedia dell’Arte, l’essere clown e la danza Butoh.

Il drago bianco

Tra uno spettacolo e l’altro inoltre, il Tact&Concert in collaborazione con YEAH, offrirà al pubblico concerti a cura di artisti locali ed internazionali, che si svolgeranno ogni sera sulle gradinate del Teatro Stabile Sloveno, fatta eccezione per mercoledì 13 giugno, giornata in cui il festival si sposterà all’Ostello Scout Alpe Adria, in occasione del TactOnFire, una serata su prenotazione in cui intorno a un grande falò ci si abbandonerà alla natura selvaggia del Carso triestino: a giocare con il fuoco” sarà Anton Lumi, il Drago Bianco e per l’immancabile compagnia musicale lo scozzese Howie Reeve, insieme a Bob Corn.

Altro importante evento sarà poi rappresentato dal Tact&Art, una mostra stabile organizzata in collaborazione con DD Project e alla quale farà da cornice il Teatro Stabile Sloveno, dedicata alle arti visive ed incentrata sul tema di Moby Dick.
Spazio sarà poi dedicato anche al palato, con il Tact&Wine, che offrirà a chi acquisterà il biglietto giornaliero del festival, degustazioni di vini locali.
Inoltre, ogni giorno nel foyer del teatro, Valentina Milan condurrà il Tact&CatchUp, un’imperdibile occasione per incontrare attori e registi degli spettacoli andati in scena la sera prima, ed il Tact&Poetry, una gara di poetry slam internazionale.

Infine, sabato 15 giugno dalle ore 23:00 al DLF di viale Miramare 51, si svolgerà la grande serata conclusiva, con un finale celebrativo, liberatorio ed esplosivo, con musiche a cura dei Pazi Oštar Pas, Andro Manzoni e Leonard Medica Gregorič, insieme al percussionista e compositore Francesco Toninelli, a cui seguirà il dj-set di Ruslàn & J_FR.

Il TACT – Festival Internazionale di Teatro è organizzato dal CUT di Trieste, in collaborazione con il Comune di Trieste e il PAG – Toti, grazie al contributo di Regione Friuli Venezia Giulia, GiovaniFVG e Fondazione Casali.