14.1 C
Trieste
domenica, 2 Ottobre 2022

“Umago Viva”, gli esuli d’Istria ricordano cinquant’anni di esodo

20.04.2019 – 16.03 – Riscoprire le proprie radici, mantenerne vivo il ricordo, di anno in anno, di generazione in generazione: una lotta familiare alla Famiglia Umaghese, che festeggerà quest’anno i cinquant’anni del periodico “Umago Viva”. A distanza di mezzo secolo, il ricordo degli esuli di Umago d’Istria è ancora ben vivo, tramandato anzi ai figli e ai nipoti in un significativo passaggio generazionale.

Il foglio – che verrà festeggiato il 25 aprile 2019 – nacque come umile ciclostile, un ampliamento del foglio informativo “Quattro ciacole in piassa dopo Messa granda“. Con il passare degli anni è diventato un mezzo fondamentale per non disperdere le tradizioni e i contatti tra i compaesani colpiti dall’Esodo. Un destino che difficilmente la fondatrice del periodico, Lucia Manzutto, avrebbe mai immaginato.

Il direttore dell’IRCI, Piero Delbello, è stato ben lieto di offrire come sede per il cinquantenario il Civico Museo della Civiltà Istriana, Fiumana e Dalmata (Via Torino n. 8, Trieste).
Le celebrazioni inizieranno al mattino, ore 10, al piano terra del Museo, dove si terrà un vernissage della mostra storica sulla città di Umago e sulla fondazione e sviluppo dell’editoria umaghese. Sarà anche occasione per scoprire un’opera inedita di Alessandro Finozzi, artista milanese. L’opera si caratterizza per l’utilizzo di terra rossa istriana, che permette effetti inusuali e al contempo un simbolico raccordo con la storia passata.

La mattinata proseguirà con un breve saluto da parte del Presidente della Famiglia Umaghese, Silvio Delbello, cui farà seguito un intervento sulla storia del periodico a cura di Sergio Bessich, con il supporto di Aldo Flego per la proiezione di foto originali. Si procederà, quindi, con la presentazione dell’ultimo libro edito dalla Famiglia Umaghese, “Le vie di Umago” di Sergio Bessich.

Concluderà questa prima parte della giornata l’inaugurazione, al secondo piano del Museo, della sede espositiva definitiva del plastico di Umago, manufatto creato dall’abile falegname umaghese Beniamino Favretto. Nel 2008, questa magnifica ricostruzione del centro storico di Umago è stata oggetto di una preziosa donazione alla Famiglia Umaghese da parte della famiglia Cattonar.

La novità della mostra su Umago e del plastico attireranno i visitatori al Museo, dalle 17, mentre dalle 18 ci sarà un concerto dedicato.
Anywhere in the world” ripercorre con un diverso motivo, una diversa composizione musicale, ogni singolo continente dove gli Umaghesi sono approdati a seguito dell’Esodo. Un vero e proprio viaggio, reso possibile dalla bravura di Ester Pavlic all’arpa classica e Giuseppe Minin alla tromba/flicorno. È la terza edizione per il concerto, parte della stagione “Euterpe”, promossa dalla Famiglia Umaghese.

La mostra sarà visitabile anche nei giorni seguenti, fino al 28 aprile compreso, con i seguenti orari: venerdì 26 aprile 10.00 – 12.30 e 16.00 -19.00, sabato 27 aprile 16.00 – 19.00 e domenica 28 aprile 10.00 – 19.00.
L’ingresso a tutti gli eventi sarà libero.

In ultima battuta la Famiglia Umaghese ringrazia per l’appoggio il Presidente Silvio Delbello, il Consiglio Direttivo della nostra Famiglia, l’IRCI, il Comune di Trieste, i volontari dell’IRCI che presteranno servizio di sorveglianza e il team di giovani con cui ha avuto il piacere di collaborare. Grazie ad Andrea Ferrarato (responsabile tecnico), Federica Bertolano (consulente artistico) ed Elisabetta Cancelli alias Betty Maier (fotografa e videomaker).

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore