7.5 C
Trieste
venerdì, 2 Dicembre 2022

Nuova “Via della Seta”, AEC Europa Italia seleziona 100 aziende per Venezia-Pechino

11.03.2019 – 10.39 – La crème de la crème dell’eccellenza turistica e gastronomica delle diverse regioni d’Italia si prepara a invadere il mercato cinese. Il Friuli Venezia Giulia e Trieste in tal senso giocherà un ruolo importante, non ultimo a causa delle discussioni in corso sugli investimenti cinesi nel Porto.

Specificatamente l’Associazione Europa Cultura (AEC) selezionerà il meglio del turismo, dell’arte e della cultura di ogni regione, includendo per altro le aziende gastronomiche e artigianali, oltre ai Consorzi per la salvaguardia dei prodotti tipici e genuini. Reclamizzare e inserire nel mercato cinese questi prodotti sarà poi compito del “Consorzio AEC Eccellenze Italiane” e il “Consorzio AEC Nuova Via della Seta“.

L’Associazione Europa Cultura Italia segue infatti da anni le problematiche dei cittadini e delle aziende, aiutandole a risollevarsi da eventi calamitosi (Coordinamento Nazionale AEC Alluvionati e Terremotati Italiani). In questo contesto il progetto Belt and Road Initiative è un’opportunità fondamentale: un ponte tra Oriente e Occidente – coinvolgendo ad oggi oltre 152 Paesi – per agevolare la circolazione di merci, tecnologie e cultura, con l’intento di riattivare quant’era in passato la vecchia “Via della Seta”.

Nonostante l’opposizione dell’Unione Europea e degli Stati Uniti, il Governo Italiano ha dichiarato il proprio appoggio alla NuovaVia della Seta“, dal vertiginoso budget cinese di mille miliardi di dollari.

La prima fase dell’attività dei due Consorzi AEC riguarda l’operazione “Venezia-Pechino con Overland“, dove saranno identificate le 100 Eccellenze Italiane da presentare agli operatori economici dei Paesi attraversati lungo il percorso della carovana dei camper Overland durante i 45 giorni di viaggio della missione.

Giampietro Comolli, docente dei Distretti Produttivi Turistici e consulente del Tavolo Tecnico AEC Settore Enogastronomia e Turismo, sottolinea: “Il Progetto Via della Seta guarda ai mercati orientali in modo concreto, verso la domanda di prodotti, contatti diretti sul posto, conoscenza, esigenze. È un approccio costruttivo commerciale di rilevante importanza culturale, economica e politica”.

spot_img
Zeno Saracino
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore