Al via la nona edizione di “Le Vie delle foto”: la mostra fotografica nel cuore di Trieste

27.03.2019 – 18.00 – E’ stata presentata oggi, presso l’Eppinger Caffè, la nona edizione di “Le Vie delle foto” di Trieste, la più grande mostra collettiva del Nord Italia, dedicata alla fotografia e alla scoperta del territorio.
La manifestazione, presentata questa mattina da Linda Simeone, ideatrice e direttrice del progetto, avrà inizio il primo aprile e proseguirà per tutto il mese.
Durante questo periodo sarà possibile visitare le mostre fotografiche, 45 in tutto, di 80 fotografi nazionali ed internazionali. Sarà inoltre data l’opportunità al pubblico di partecipare ad alcuni tour guidati della città, nonché di assistere a workshop gratuiti di reportage e prendere parte a numerose attività legate al mondo della fotografia.

“Negli ultimi dieci anni Trieste è cambiata moltissimo” – spiega Linda Simeone – “ricordo con nostalgia i locali e i bar nei quali si poteva trascorrere l’intera mattina a bere il caffè. Questa nuova Trieste della ristorazione però, è estremamente dinamica, attenta alle esigenze dei clienti e aperta al cambiamento.
Sarà un anno interessante e ricco di emozioni” – conclude la direttrice del progetto – “e stiamo già lavorando alla decima edizione della manifestazione, che costituirà un evento memorabile”.

Quest’anno mostre di particolare rilievo saranno quelle di Sistiana Diving e Lucio Ulian, protagoniste di un libro che uscirà a fine mese dedicato alla costa del comune di Duino – Aurisina; da segnalare inoltre, anche le esposizioni di Liza Politi e Ari Espai, che girano l’Asia immortalando momenti fotografici destinati ad una raccolta fondi umanitaria.
Il Premio goliardico a mostra non ancora aperta quest’anno andrà invece al fotografo in erba Fabio Bubola, che ha scelto come tema “La magia del cantiere”: una serie di scatti che immortala degli anziani intenti a sbirciare all’interno degli scavi.

Ogni sabato pomeriggio sarà poi possibile partecipare ai tour guidati della città, durante i quali vi sarà la possibilità di visitare tutte le mostre a catalogo e conoscere Trieste dal punto di vista fotografico, storico, culturale e turistico. La manifestazione inoltre prevede la realizzazione di un workshop gratuito di fotografia di reportage tenuto dal fotografo Luca Cameli di San Benedetto del Tronto, abituale frequentatore della kermesse fotografica.

La sede principale dell’evento sarà quest’anno la ZKB (Zadružna Kraška Banka Trst Gorica Zadruga), situata all’interno dell’incubatore di nuovi progetti in piazza della Libertà 5, dove si svolgeranno tutti i corsi e dove sarà possibile acquistare i biglietti pro i tour e ricevere la mappa messa gratuitamente a disposizione per gli interessati.

Anche in questa nona edizione, “Le vie delle foto” collabora con Civiform, Ente accreditato dalla Regione Friuli Venezia Giulia che opera nel settore della formazione, offrendo agli allievi delle terze classi la possibilità di realizzare il materiale pubblicitario dell’evento.
Inoltre tutti i fotografi che parteciperanno a questa edizione doneranno una foto che verrà poi messa in vendita attraverso diversi canali: anche quest’anno il ricavato verrà donato al Lions Club di Duino Aurisina che lo utilizzerà per il proprio service, come anche il portfolio di Furio Rodella, che riceverà il patrocinio di riconoscimento per una mostra dedicata all’ipovisione, l’8 aprile, giorno del Lions Day.

[Le Vie delle Foto: il progetto nasce e si sviluppa come una mostra fotografica collettiva internazionale composta da tante mostre singole dislocate nel centro cittadino di Trieste; un’esposizione collettiva che come un moderno network si compone e collega tante location diverse. Locali caratteristici che ospitano fotografi aderenti alla manifestazione, trasformati  in una piazza d’incontro, discussione e scoperta, un punto di convergenza tra il cittadino e la cultura fotografica.
Ad essere raggiunto è tutto il centro cittadino, all’interno del quale per un mese è possibile svolgere dei percorsi per visitare, anche quotidianamente, tutte le esposizioni in catalogo.
Inoltre ogni anno l’organizzazione è attiva nel campo della responsabilità sociale, creando eventi benefici a sostegno di realtà che operano sul territorio e dando spazio ai nuovi talenti e a chi vuole valorizzare i propri lavori, tramite casting fotografici attraverso i quali “Le Vie Delle Foto” consente ai fotografi emergenti di trovare un proprio spazio e ricevere un attestato di partecipazione per la qualità artistica delle opere presentate.]