8.4 C
Trieste
giovedì, 1 Dicembre 2022

Valerio Valenti si presenta e avvisa “Attenzione alta contro corruzione e infiltrazioni mafiose”

5.2.19|11.40-Nella presentazione stampa di ieri che taglia il nastro del suo insediamento a Trieste, il nuovo Prefetto Valerio Valenti schizza in alcuni tratti le sue intenzioni e le prime impressioni su un contesto per lui nuovo: “Continueremo a mantenere alta l’attenzione contro i rischi di infiltrazioni mafiose” sul territorio. “So che Trieste ha anticorpi importanti, fanno parte della tradizione e cultura di questa terra. Sicuramente diversamente da quanto mi è capitato nelle mia esperienza lavorativa, potremmo contare anche sulla collaborazione dei cittadini per prevenire e anticipare i rischi che pur esistono”.

Vietato abbassare la guardia, in particolare nell’ambito del rilancio dell’area del Porto Vecchio, “è scontato immaginare che laddove ci sono interessi economici rilevanti, ci possano essere appetiti da parte delle organizzazioni criminali. Quindi bisognerà predisporre d’intesa con le amministrazioni appaltanti, soprattutto il Comune di Trieste, misure di prevenzione adeguate e protocolli di intesa, di informazione e di intelligence”.

Sessantenne, trapanese, Valenti sostituisce Annapaola Porzio, scelta dal Consiglio dei Ministri per il ruolo di Commissario straordinario antiracket e antiusura a Roma.

“Proverò a stare vicino ai giovani-ha dichiarato il nuovo Prefetto a margine dell’incontro con la stampa- andando in prima persona nelle scuole e interloquendo con con i dirigenti scolastici sugli argomenti maggiormente sotto i riflettori a livello anzionale. In primis la corruzione, tema su cui riflettere per i cittadini di domani”.

Laureato in Scienze politiche, Valenti in gioventù fu un giocatore di basket, sport per il quale tuttora conserva una passione.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore