Mercato libero dell’energia: l’informazione è il vero problema

06.02.2019 – 08:24 – Navigare online permette da sempre di accedere ad un numero infinito di informazioni, ma la capacità di riconoscere la veridicità di quello che compare sullo schermo è decisamente un altro paio di maniche. “Surfando” sulla rete alla ricerca di informazioni sul mercato libero e soprattutto sulle motivazioni che creano un grande disagio agli utenti, mi sono imbattuto in un forum in cui gli iscritti si scambiavano opinioni sulla futura fine del Servizio di Maggior Tutela e su ciò che capiterà in seguito. La paura traspariva commento dopo commento, la disinformazione anche. In linea generale, il consiglio dei partecipanti al forum era il seguente: rimani col male che hai, aspetta e vedi che succede.

Mai suggerimento peggiore. Mi sarei aspettato: “informati, leggi più che puoi, chiedi, cerca online altri esperti e valuta le loro opinioni”. Invece no, niente. L’informazione rende liberi e consapevoli e questa è l’unica arma da utilizzare contro ciò che è ignoto, in questo caso l’obbligo di entrare a far parte del mercato libero dell’energia. Ma questo mondo è davvero così sconosciuto e spaventoso? Non credo proprio. Nell’era di internet, dove tutto è a portata di click, essere consapevoli e informati è semplice e immediato. Sono diversi i siti qualificati che affrontano il tema e ancora diverse sono le aziende serie che utilizzano il web come canale di informazione per gli interessati. Quindi dove sta il problema?

Un sondaggio condotto dall’associazione delle imprese elettriche italiane (Elettricità Futura) in collaborazione con Master Safe, ha dimostrato che nonostante la reperibilità delle informazioni il mercato libero non solo risulta sconosciuto, ma anche un tema che suscita il timore negli intervistati riguardo nuovi aumenti in bolletta e iter burocratici infiniti. La cosa, ovviamente, è del tutto irreale ed infondata soprattutto se ci si affida ad aziende serie e professionali. Il dato allarmante sta nel fatto che gli intervistati hanno paura di essere imbrogliati dal mercato libero, quando non conoscono nemmeno il costo dell’energia nella propria bolletta e da cosa esso sia composto. Ecco che si ritorna al vero e unico problema: non importa cosa ti trovi di fronte, l’importante è che tu possegga l’informazione, l’unica tua vera arma.

Il problema principale del mercato libero in Italia non è la sua burocrazia, la sua complessità o la sua poca trasparenza, ma è la scarsa voglia di informarsi bene sui benefici, le opportunità e i vantaggi che si possono ottenere dallo scegliere un fornitore del mercato libero.

Affidati ad un’azienda seria, chiara, limpida e professionale. Non sai quale? Nel prossimo articolo ti dirò come è fatta l’azienda ideale che ti risolverà ogni dubbio e problema.

Manuel Flaugnacco

[articolo sponsorizzato]