15.9 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Cambiamento climatico, Scoccimarro: “Investimenti per un FVG più verde”

10.02.2019 – 08.24 – Un Friuli Venezia Giulia capace di affrontare la sfida del cambiamento climatico con una rinnovata attenzione al riciclaggio, all’evitare gli sprechi, all’uso delle energie rinnovabili. La visione di una Regione più “green” era al centro dell’incontro avvenuto ieri a Udine, intitolato  “I cambiamenti climatici: sfide e opportunità per l’Italia e il Friuli Venezia Giulia“.

Nell’occasione è intervenuto l’assessore regionale Fabio Scoccimarro, il quale ha riconosciuto che “La Regione ha piena consapevolezza dell’urgenza con cui pubblica amministrazione e comunità devono affrontare l’impatto devastante del cambiamento climatico”.

L’assessore ha ricordato a questo proposito il maltempo dello scorso ottobre che ha flagellato il territorio, “un monito terribile che deve contribuire a porre la prevenzione ambientale al primo posto nelle politiche della Pubblica amministrazione”, e ha tracciato in sintesi tutte le attività che l’amministrazione sta portando avanti per contribuire a contrastare gli effetti del cambiamento climatico.

“Stiamo continuando, ad esempio, con decisione le buone pratiche nel trasporto pubblico, che rendono oggi quello del FVG il miglior parco circolanti d’Italia e tra i primi in Europa; promuoviamo il rinnovo del parco macchine regionale grazie all’innovativo progetto Noemix per l’abbattimento delle emissioni di CO2 in atmosfera e incentiviamo l’acquisto di auto elettriche, ibride e Euro 6″, ha ricordato Scoccimarro.

Ma l’impegno dell’amministrazione regionale è orientato anche a contribuire alla necessaria “rivoluzione culturale” con l’investimento nella formazione delle giovani generazioni e l’informazione capillare ai cittadini. “Nel triennio abbiamo previsto 350mila euro per parchi tematici e progetti internazionali e 100mila euro per la comunicazione e la sensibilizzazione sull’economia circolare e sull’impatto dei cambiamenti climatici”, ha ribadito l’assessore, ricordando anche “l’intenzione dell’attuale giunta regionale di riattivare il progetto, che aveva preso avvio nel 2006 con una convenzione tra il ministero dell’Ambiente e l’allora Provincia di Trieste, per istituire una fondazione con l’Unesco in grado di promuovere programmi internazionali di formazione ambientale per tecnici e operatori di Paesi in via di sviluppo.

Affrontare la sfida dei cambiamenti climatici – ha convenuto infine Scoccimarro – aprirà anche imprevedibili spazi all’innovazione tecnologica e la transizione comporterà anche cambiamenti nel modo di produrre e di consumare.

“Anche per le imprese del FVG si apre quindi un nuovo mercato, una sfida carica di opportunità che il made in Friuli deve essere pronto a cogliere”, ha concluso l’assessore.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore