23 C
Trieste
lunedì, 3 Ottobre 2022

Ugo Borsatti ha compiuto 92 anni!

19/01/2018 E’ stato ieri il 92° compleanno del fotografo Ugo Borsatti, un pezzo della storia di Trieste vivente.

Ugo Borsatti nasce a Trieste nel 1927. Era iscritto al liceo Da Vinci quando inizia a scattare le sue prime foto importanti: dalle finestre della casa dove abita riprende un gruppo di militari italiani prigionieri dei tedeschi, sfidando le machine-pistole dei soldati della Wehrmacht che li stanno scortando. Il giovane Ugo sembra non temere niente dietro al mirino della sua macchina fotografica.

L’anno dopo non tornò a scuola. Borsatti fu costretto dai tedeschi a costruire trincee nei pressi di Fiume ma fuggì. Durante la sua fuga però venne intercettato da partigiani iugoslavi che lo deportano a Delnice in Croazia in un campo di lavori forzati.
Riesce finalmente a fuggire anche da quella terribile esperienza, dove altri prigionieri meno fortunati furono uccisi a raffiche di mitra. Ugo scappa e ritorna a scuola e si diploma geometra nell’estate del 1945.

Nel 1952, forse spinto dal ricordo delle foto del 1943, che riscossero tantissimo successo, decide di dedicarsi totalmente alla fotografia e fonda la ditta individuale Foto Omnia.

Appassionato soprattutto della fotocronaca, diventa corrispondente di varie testate ed agenzie, tra cui il Corriere della Sera e la Rotofoto di Fedele Toscani, padre di Oliviero. Per circa vent’anni fu il fotografo ufficiale de Il Gazzettino e del Messaggero Veneto.

Borsatti seguì con particolare attenzione i momenti, anche drammatici, che precedono il ritorno di Trieste all’Italia: sui “fatti di novembre” pubblica il libro “Trieste 1953” (ed. Lint 2003) e l’anno dopo, con “Trieste 1954”, racconta il ritorno di Trieste all’Italia.

Il 26 ottobre 1954, 63 anni fa, Trieste tornava italiana

Possiede un negozio a Trieste, in via Gatteri 17/b e la sua ditta ad oggi ha compiuto ben sessant’anni. Nel suo storico laboratorio (aperto dal dal 1961) , Ugo Borsatti svolge tutt’ora la sua professione con passione e dedizione.

Il suo archivio fotografico, comprende oltre 350.000 negativi ed è stato dichiarato di interesse storico dalla Sovrintendenza Archivistica del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Recentemente è stato acquisito dalla Fondazione CRTrieste.

Putroppo Borsatti ha festeggiato il suo compleanno nella residenza Sanitaria Assistenziale dei triestini Rsa Mademar, dove sta anche facendo degli esami per il malore che lo ha colto la notte dell’ultimo dell’anno.

Tanti auguri Ugo, ti auguriamo di rimetterti presto!

Giulia Livia

(riproduzione riservata)

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore