Teatro San Giovanni, “Tra poesia e musica”: l’incessante ricerca della sonorità

16.01.2019 – 10.40 – Venerdì 18 gennaio alle ore 20.45 presso il Teatro San Giovanni, si terrà lo spettacolo “Tra poesia e musica”: una ricerca artistica su quello che è il rapporto tra la parola ed il suono.

L’evento mira a rappresentare la ricerca incessante della sonorità che si manifesta all’interno della musica e della poesia, che all’interno dello spettacolo verranno pensate come una sola materia, due forme artistiche che danzano insieme fino a perdersi l’una nell’altra in un’unione che non permetterà più di riconoscere cosa sia musica e cosa sia poesia.

MO: il duo formato da Clara Orpelli e Federico Mullner (più voce di Beatrice Achille), proporrà una musica dinamica di complessa catalogazione che fonda le sue radici nelle sonorità quotidiane alle quali l’orecchio presta ascolto inconsciamente; suoni ancestrali più naturali, la ripetizione della meccanica cittadina e quell’umano vocio indistinto che si insinua e condiziona i moti dell’animo.

“Il peso di una farfalla” – Fumofonico: si tratta di un viaggio poetico e musicale che esplora le dicotomie dell’essere umano, impegnato in un perenne conflitto interiore ed esteriore in una sorta di “Io contro (D)io”.
La successione dei brani in prosa e in versi, come il susseguirsi dell’apparato musicale, offrirà un racconto che metterà ciascuno di noi davanti ad alcune domande.

Lettori: Fausto Berti, Matteo Zoppi
Live electronics: Matteo Mannocci

“Black in / Black out” – Nicolas Cunial: all’interno della sua esecuzione l’artista dimostra il contrasto che vuole raccontare: se un terremoto (inteso come la malattia mentale) si scatena, meglio ballarci sopra. Nella fattispecie, Nicolas Cunial reciterà testi che descrivono le condizioni di chi soffre uno squilibrio mentale, spesso tenuto ai margini da una società che non sa più usare l’empatia, catalizzati attraverso musiche elettroniche che al contrario tenderanno a far saltare e a divertirsi, nonostante le tematiche affrontate.

Nicolas Cunial (1989): poeta, performer e scrittore, nonché slammer di lunga data e tra i più apprezzati in Italia. Pubblica diverse raccolte tra le quali: “Pillole di carne cruda” (2012), “Carie di città” (2013) e “Il sosia zero” (2015, prefazione di Dome Bulfaro, postfazione di Lello Voce). Nel 2016 pubblica il romanzo “L’innocenza della fuga”. È stato finalista a tutte le edizioni del campionato italiano di poetry slam della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam ottenendo un quarto posto come miglior piazzamento nel 2017. Nello stesso anno, fonda il collettivo fiorentino di poesia orale Fumofonico.

L’ingresso è a offerta libera.