Legge di bilancio: detrazioni e bonus casa 2019 per il Condominio 2.0

07.01.2019 – 11.38 – Eccoci nuovamente pronti per discutere ed affrontare le più svariate questioni legale al condominio ed a tutto il mondo che vi gira intorno.
Come primo argomento di questo 2019, che spero sia per tutti voi iniziato nel migliore dei modi, vorrei trattare l’argomento delle detrazioni fiscali sulle opere di manutenzione straordinaria nel condominio previste o in fase di studio per questo nuovo anno!
La legge di bilancio conferma anche per il 2019 molti bonus casa e condominio già previsti nell’esercizio precedente per chi esegue opere di ristrutturazione, efficientamento energetico, sistemazione a verde e riduzione del rischio sismico in zone determinate. Alcune di queste misure riguardano le singole unità immobiliari private, altre invece sono previste nel caso in cui le migliorie vengono realizzate sulle parti comuni dell’intero edificio condominiale. Vediamo nel dettaglio le novità per la parti comuni e quindi per i “condominii”:

Ecobonus 2019. Ribadite per i condomini anche le disposizioni della precedente legge di bilancio, che ha previsto un aumento dello sconto in base al grado di efficientamento energetico raggiunto:

  • detrazione del 70% se l’intervento coinvolge anche la copertura esterna del condominio in misura superiore al 25% della superficie lorda che disperde calore;
  • detrazione del 75% invece se l’intervento migliora sia in inverno che in estate la prestazione energetica.

L’ammontare massimo delle spese previsto per ottenere lo sconto ai fini Irpef è di 40.000 per ogni unità abitativa.

Bonus verde 2019. Proroga di un altro anno anche del bonus verde nella misura del 36% dall’art. 1 comma 12 della legge n. 205/2017, per tutti gli interventi finalizzati a curare, ristrutturare e irrigare le aree verdi private. Trattasi in sostanza di spese relative alla sistemazione a verde di aree private scoperte presenti in edifici e unità immobiliari, compresa la creazione di pozzi, coperture e giardini pensili. La detrazione è consentita fino a un massimo di 5000 euro per ogni immobile, da ripartire in 10 quote annuali.

Nei condomini il bonus verde spetta anche in relazione agli interventi eseguiti sulle parti comuni esterne dell’edificio fino a 5.000 euro per ogni unità immobiliare a uso abitativo. Il diritto alla detrazione spetta al singolo condomino nel limite della sua quota.

Sismabonus. Anche nel 2019 per chi esegue opere finalizzate ad adeguare l’immobile al rischio sisma presente nella zona in cui è ubicato. Per le spese sostenute è riconosciuta una detrazione del 50%, da calcolarsi sull’importo massimo di 96.000 euro per ogni unità immobiliare, da ripartirsi in cinque rate annuali dello stesso importo. La detrazione più alta, pari al 70 o all’80% è concessa quando le opere riescono a ridurre il rischio sismico di 1 o 2 classi; se poi i lavori vengono realizzati sulle parti comuni degli immobili condominiali la detrazione aumenta ulteriormente, raggiungendo le percentuali dell’80% o 85%.

Per chi acquista un bene immobiliare parte di un edificio demolito e successivamente ricostruito in una zona a rischio sismico 1 infine, può detrarre dalle imposte fino al 75 o 85% del prezzo di acquisto, nel limite massimo di 96.000 euro.

Un aiuto per migliorare Le proprie abitazioni e gli spazi comuni che formano il condominio.

Massimo Varrecchia