4.4 C
Trieste
martedì, 25 Gennaio 2022

La Prosa Curiosa ON/OFF ritorna al Teatro Miela con Gianfranco “Premio Ubu” Berardi

20.01.2019 – 11.04 – Il Teatro Miela presenta i diversi spettacoli previsti per il 2019 all’interno della dinamica rassegna ON/OFF – Prosa Curiosa: una panoramica dove veterani del teatro si mescolano a giovani talenti, proponendo un ricettario di spettacoli all’avanguardia e commedie di raro eclettismo. Solo due nomi tra i tanti: Gianfranco Berardi, vincitore del “Premio Ubu” per il miglior attore 2018 e la finalista Paola Tintinelli.

Il primo appuntamento 31 gennaio e 1 e 2 febbraio con Come Diventare Africani In Una Notte con Mohamed Ba e Alessandro Mizzi e alla regia Sabrina Morena.

Lo spettacolo ha conquistato il pubblico nella scorsa stagione con la sua semplicità e mette lo spettatore nella disposizione giusta per ascoltare e conoscere tradizioni lontane.
Un italiano e un togolese si trovano gioco forza a condividere un appartamento quando accade un fatto inaspettato che costringe tutti a cambiare punto di vista. Il testo è scritto a sei mani insieme alla regista: un’operazione già a monte di grande valenza interculturale. Un momento creativo e umano dove la cultura europea e quella africana si incontrano e dialogano apertamente.

Il secondo spettacolo 14 e 15 febbraio l’attesissimo Amleto take away di e con Gianfranco Berardi e Gabriella, una produzione Compagnia Berardi Casolari/ Teatro dell’Elfo.

Un Amleto contemporaneo, perfetta incarnazione dei paradossi e le contraddizioni del nostro tempo: questo il ritratto dello spettacolo di Berardi, che analizza come le parole siano diventate negli ultimi anni simboli, etichette da appiccicare sulla schiena altrui, fuorviate in un senso decisamente orwelliano: “tutto è rovesciato, capovolto, dove l’etica è una banca, le missioni sono di pace e la guerra è preventiva”.

Come Diventare Africani In Una Notte

Trovata una sega! Racconto su Livorno, Modigliani e “lo scherzo del secolo” dell’estate 1984″, di e con Antonello Taurino, sarà in scena il 14 e 15 marzo.

La leggenda la conoscevano tutti, a Livorno: nel 1909 Modigliani pare avesse gettato nel Fosso Reale alcune sue sculture, deluso per lo scherno di amici incompetenti che lo avevano deriso per quelle opere. Ma quando nel 1984, per celebrarne i cent’anni dalla nascita, il Comune ne azzarda il recupero, avviene la pesca miracolosa di tre teste che porta davanti ai Fossi di Livorno le Tv di tutto il mondo. E subito i maggiori critici d’arte non hanno dubbi a sancire: “Sono dei capolavori, sono di Modigliani!”. Ma dopo un mese venne fuori che.. non eran proprio di Modigliani…

Lo spettacolo di Taurino ricorda la più poderosa batosta a una critica d’arte la quale, seppur altezzosa, nel caso delle false sculture di Modigliani cadde immediatamente nell’inganno. In quest’era di fake news e labili confini tra vero e falso, tra realtà e finzione, il caso Modigliani è certo molto interessante, anche al di fuori dell’ambito controverso dell’arte contemporanea.

La primavera segnalerà con il 28, 29 e 30 marzo, l’arrivo della nuova produzione del Teatro Bonawentura con “Adriatico Blues“, uno spettacolo ideato e diretto da Massimo Navone scritto e interpretato da Laura Bussani, Alessandro Mizzi, Stefano Dongetti.

Adriatico Blues è il nome di una locanda situata su un isolotto detto Scoglio di Morgan, di cui non si trova traccia sulle carte nautiche, un tipico luogo dell’immaginazione o dell’allucinazione, a cui approdano le tipologie di navigatori più disparate: avventurieri,  filosofi , scienziati, artisti, pirati, anime perdute, relitti umani e “naufraghi della vita“…

Ad aprile, 10 e 11, sarà la volta di Coma Quando Fiori Piove spettacolo vincitore de I Teatri del Sacro 2017, di Carlo G. Gabardini e Walter Leonardi, attore amico del Pupkin Kabarett e già al Miela la passata stagione. In scena Walter Leonardi (autore della regia), Flavio Pirini, Alice Redini e Paola Tintinelli.

Un uomo si ritrova in macchina, il giorno del suo cinquantesimo compleanno, a fare un bilancio della propria vita assieme a un misterioso autostoppista che lo accompagna.
L’autostoppista sembra Dio, ma non è facile credergli nel 2018.
Ne scaturisce un dialogo, sospeso e stravagante, che porta l’uomo a ripercorrere gli avvenimenti più importanti della sua vita e a rivivere, anche attraverso la lente degli occhi del suo accompagnatore onnisciente, gli amori perduti, i sogni incompiuti e gli attimi rimpianti.

9 e 10 maggio KarmafulminienFigli Di Puttini, di e con Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Luca Mammoli, regista e co-autore Riccardo Pippa. Produzione Generazione Disagio e Fondazione Luzzati – Teatro della Tosse.

Inclassificabile spettacolo per il mese di maggio con protagonisti “Tre angeli irrequieti, nostalgici estimatori dell’Empireo, della contemplazione e della pace dei sensi, che assorbono le angosce del genere umano”.

“Spugne, parafulmini, idrovore del mal di vivere, i nostri ripetitori captano segnali di nevrosi e ritrasmettono potenti deliri e allucinazioni, convertono correnti avverse in good vibrations. Strumenti di una qualche volontà superiore, trasformano stati ansiosi in tisane e infusi, malesseri in materassi, complessi in amplessi ambosessi, fobie in fiabe e stress in strass”.

Fuori abbonamento il 28 febbraio e 1 marzo arriverà il Paolo Rossi Recital. Paolo Rossi ritorna dopo qualche anno al Teatro Miela. L’attore, regista e comico, è diventato negli anni uno dei grandi maestri. “La cosa più importante che mi sia capitata nella mia carriera di attore è stata quella di avere avuto la fortuna di incontrare grandi maestri. Parlo di Dario Fo, Giorgio Gaber, Carlo Cecchi, Enzo Jannacci e altri che mi hanno aiutato e guidato agli inizi. In questo mestiere gli incontri sono fondamentali”.

La grande novità di quest’anno sono i pacchetti Smart ON/OFF – 6 spettacoli € 48,00 disponibili all’acquisto presso la biglietteria del Teatro Miela sino al 31 gennaio 2019.
Per maggiori informazioni il Teatro ha rinnovato il suo indirizzo web, presso il quale si possono trovare chiarimenti e ulteriori novità: https://www.miela.it/

Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

Dello stesso autore