13.2 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Azzardopatia, Riccardi: “Fenomeno pericolosissimo, investire nella prevenzione”

18.01.2019 – 09.30 – La Regione ha ieri presentato gli ultimi dati relativi alla ludopatia e al gioco d’azzardo nel Friuli Venezia Giulia: un quadro di consumi e ossessioni, dove i difetti del padre si trasmettono al figlio, dilagando in una forte dipendenza tra i giovani. La popolazione locale spende infatti un miliardo di euro all’anno solo in giochi d’azzardo e il 25% degli studenti ha “giocato” almeno una volta in un anno. Il 50% di questi ha giocato in bar, tabacchi o ricevitorie, mentre il 16% ha giocato d’azzardo online. È notevole come, stando alle indagini statistiche condotte tra i giocatori problematici del FVG, il 20% ha il padre giocatore, più del 3% la madre giocatrice e più del 10% entrambi i genitori. In tal senso l’azzardo ha diversi paralleli con il tabagismo.

Il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha annunciato a questo riguardo un rinnovato impegno contro l’azzardopatia. Il Fondo statale gioco d’azzardo patologico ha assegnato al Friuli Venezia Giulia 2.063.000 euro per la programmazione di attività nel biennio 2018-2019 (da realizzarsi negli anni 2019-2021).

“Nel 2019 investiremo già 1,5 milioni di euro – ha annunciato Riccardi – per dare continuità alla rete di cure e trattamento, avviare iniziative con il Terzo settore e attività formative anche in collaborazione con le Università, per la supervisione clinica, la formazione rivolta agli insegnanti delle scuole secondarie, agli esercenti attraverso le associazioni di categoria, ai genitori per fornire un corretto approccio alla cultura digitale”.

L’impegno annunciato da Riccardi e dalla Giunta stride tuttavia con il rigetto della mozione del Movimento 5 Stelle, lo scorso autunno 2018, quando si era richiesto che le leggi già in vigore venissero realmente applicate. Nell’occasione il centrodestra aveva bocciato la mozione contro il gioco d’azzardo all’unanimità.

“In alcuni paesi la presenza nei bar di queste macchinette è la primaria fonte di reddito, ma anche l’inizio di cambiamenti radicali della vita per le persone di quel posto, soprattutto nei comuni piccoli, nelle vallate e in montagna dove si riscontrano situazioni di emarginazione che sconquassano le famiglie e il tessuto sociale” ha approfondito Giuseppe Napoli, presidente di Federsanità Anci Fvg, con cui la Regione fa rete nell’attività di prevenzione, confermandosi tra le Regioni più virtuose in tema di prevenzione grazie ai progetti di collaborazione tra scuole, Comuni e sistema sanitario.

“L’attenzione maggiore è ora rivolta ai giovani” – come ha ribadito infine Paolo Pischiutti, direttore dell’Area promozione salute e prevenzione – “che sono i principali soggetti a rischio, anche per un crescente accesso al gioco d’azzardo online tramite smartphone e tablet”.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore