30.2 C
Trieste
venerdì, 1 Luglio 2022

A Cremona Alma all’altezza della terza in classifica ma non basta: Vanoli vince 87-78

10.12.2018 – 11.12 – La trasferta resta territorio proibito, ma a Cremona contro la terza della classe l’Alma ha giocato ad armi pari, cedendo solo nell’ultimo quarto. Imprecisi nei liberi (11 su 20) i ragazzi di Dalmasson hanno pagato, nel testa a testa del PalaRadi, la maggior fisicità dei locali, animati nel momento cruciale dall’ex Ruzzier (“quella di oggi è la partita casalinga in cui abbiamo fatto più fatica” ha dichiarato a fine gara”).

In Lombardia Strautins avrebbe evitato pericolosi mismatch, ma il “3” lettone ieri non si è nemmeno allacciato le scarpe, arresosi in extremis a un guaio al polso destro, così il quintetto iniziale alabardato ha visto Fernandez, Sanders, Silins, l’ex Peric e Knox. Cremona ha risposto con Ruzzier, Saunders, Aldridge, Mathiang e Crawford, con quest’ultimo autore di 24 punti in 34 minuti giocati.

L’inizio è favorevole a Trieste che rompe il ghiaccio con uno 0-4 colmato subito da  Crawford e Mathiang. La Vanoli mette timidamente la testa avanti ma i triestini interpretano bene in avvio il piano gara soprattutto in difesa e scavano un 9-13 con la bomba di Silins. La reazione prepotente dei locali ribalta il risultato con un 10-0 firmato Diener e Alridge, l’alley oop di Cavaliero per Peric conclude i primi 10’ sul 19-18.

Riprende il gioco e Cremona prova a strappare andando avanti di 9 al 16′ con il canestro di Ruzzier e raggiungendo il +10 con Crawford sul 36-26. I triestini hanno un Da Ros in più e tirano con il 37,8% di precisione da due e il 44,8% dai 6 metri e 75:  Sanders pesca tre triple di fila, Silins infila il siluro del 40-37 e Wright fa sentire il fiato sul collo ai cremonesi portandosi a -1 allo scoccare dell’intervallo lungo.

Nella ripresa Peric firma il sorpasso biancorosso, Aldridge e Crawford ribattono con due bombe (48-44) e la terza frazione si accende, regalando 10’ indecisi ed emozionanti. Ruzzier contende il centro della scena a Fernandez (3/6 da due, 2/3 nelle triple, 4 assist, 4 falli subiti), Cavaliero (autore del 58-59) spalleggia il “Lobito”, che sulla sirena risponde all’affondo precedente di Saunders e scrive 61 pari sul tabellone luminoso del PalaRadi, rimandando tutto al quarto quarto.

A 5’ e 52’ dal termine Cremona si trova avanti 72-66, Mosley sbaglia troppi tiri liberi e Ricci non ricambia la cortesia con una tripla e un 2\2 a cronometro fermo per il più 11, massimo vantaggio fino a quel momento per la Vanoli. Sanders riporta i suoi sul 77-71 ma un alley oop di Crawford permette a Ricci di allungare a più 7. Su assist di Fernandez, Knox schiaccia il -5 ma, subito dopo, la tripla di Silins non va a segno e il 2\2 nei liberi di Saunders mette la pietra tombale alla partita. A 5 decimi dalla fine c’è tempo per altri due punti di ricci che fissano il conclusivo 87-78.

Prossimo avversario dell’Alma sarà la Sidigas Avellino, vincitrice ieri 82-81 su Pesaro e attesa domenica all’Allianz Dome alle 20:45.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore