6 C
Trieste
martedì, 29 Novembre 2022

Da Cervignano al Baltico: inaugurato il nuovo asse intermodale merci

16.10.2018 – 15.54 – Nasce un asse intermodale merci da Trieste e Monfalcone via Cervignano verso il Baltico. È stato inaugurato oggi il nuovo servizio ferroviario che collegherà l’interporto di Cervignano a Rostock, nella Germania nordorientale. L’interporto di Cervignano, oltre alla funzione di retroporto degli scali di Trieste, Monfalcone e porto Nogaro, diventa quindi snodo del traffico merci continentale sulle direttrici del corridoio che va dal mare Adriatico al Baltico, unendo l’Europa meridionale a quella settentrionale. Rostock, scalo di riferimento per il traffico merci diretto verso la Scandinavia, la Polonia e i Paesi baltici, si avvicina così al nordest industriale italiano.

Il progetto è stato realizzato dalla società LKW Walter, azienda austriaca attiva nel settore dei trasporti dal 1924, che ha individuato la struttura di Cervignano quale hub ideale per questo collegamento. “Cervignano torna ad avere un treno intermodale”, ha dichiarato Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, presente alla cerimonia d’inaugurazione del nuovo treno. “Questo servizio rappresenta uno dei tasselli che ci permettono di parlare del nuovo sistema integrato del Mare Adriatico Orientale. Abbiamo da poco avviato gli shuttle tra Trieste e Cervignano: ora vediamo la piena operatività di due hub regionali, da una parte Cervignano e dall’altra Trieste con Villa Opicina”.

Il treno, lungo 550 metri con 32 semirimorchi, permetterà di togliere dalla strada circa 200 camion a settimana, a tutto vantaggio della sostenibilità ambientale. Il servizio sarà ben bilanciato sia in export, con destinazione finale della merce Svezia e altri paesi scandinavi, che in import verso il Nord-est Italia e Slovenia. Si tratta di un “company train”, ovvero un treno completamente ai semirimorchi della LKW Walter, che si avvarrà del supporto di Kombiverkehr quale Multimodal Transport Operator per l’organizzazione dei treni, e della Francesco Parisi Casa di Spedizioni in qualità di promotore commerciale dell’interporto di Cervignano. Alle imprese ferroviarie Mercitalia e Lokomotion sarà affidata la trazione, rispettivamente per la parte italiana e per la tratta oltreconfine, mentre i carri ferroviari saranno messi a disposizione da Deutsche Bahn. Con una distanza di 1300 chilometri e un tempo di transito di circa 22 ore, il servizio prevede attualmente la circolazione di tre coppie di treni settimanali in entrambe le direzioni, con l’obiettivo di incrementare la frequenza nel breve periodo.

Nel 2018 è stato avviato un primo progetto fra porto di Trieste, Campo Marzio e Villa Opicina riguardante i trasporti da e per Slovacchia, Cechia, Austria: i treni programmati sono 20 a settimana ed aumenteranno nel 2019. Il secondo progetto è il collegamento fra il porto di Trieste e lo scalo di smistamento ferroviario di Cervignano, per trasporti via Tarvisio con origine e destino Germania, Austria, Ungheria, con treni prova organizzati con Rail Cargo Austria: 4 attualmente le coppie di treni settimanali in circolazione, con previsione di arrivare a 20 coppie nel 2019.

[c.s.]

[immagine di repertorio Walter LKW]

 

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore