20.6 C
Trieste
venerdì, 30 Settembre 2022

Rotary Camp Ancarano, conclusa la decima edizione

05.09.2018 – 10.11 – Si è appena concluso il Rotary Camp Ancarano, progetto sociale nato da un’idea del Rotary Club Muggia e di quello di Capodistria che quest’anno è giunto alla decima edizione. Da ben dieci anni, infatti, grazie al lavoro di questo Service Club, viene data l’opportunità a persone con disabilità, provenienti sia dall’Italia che da altri paesi come l’Austria, insieme ai propri accompagnatori e famiglie, di trascorrere una settimana all’insegna dell’allegria e del divertimento nella cornice del Centro Marino della Croce Rossa slovena, ad Ancarano, a due passi dal confine con Muggia, struttura totalmente priva di barriere architettoniche. Il tutto senza alcun costo per i partecipanti.


Lezioni di musicoterapia, lezioni di nuoto e pittura sono solo alcune delle attività che caratterizzano questa iniziativa sociale e quest’anno, anche grazie all’aiuto del Yacht club Adriaco e dell’associazione Triestina della Vela, sono state organizzate delle gite in barca dando l’opportunità agli ospiti di diventare marinai per un giorno.
Durante questi anni nell’organizzazione del Camp si sono affiancati anche i Rotary Club di Trieste e Trieste Nord, il Panathlon Trieste e il Rotaract club Trieste, la sezione giovanile che fa riferimento alla famiglia del Rotary International e che raggruppa giovani dai 18 ai 30 anni, incrementando così il numero dei volontari.
Nel corso delle varie edizioni, i Rotary hanno donato alla struttura della Croce Rossa un’auto elettrica per il trasporto di disabili con carrozzina e hanno realizzato una rampa a mare, oltre a fornire altro tipo di attrezzatura.
“Anche questa edizione ha avuto un buon successo. Gli ospiti, a cui viene offerta la possibilità di trascorrere una settimana in questo Centro specializzato, sono stati 39, persone con età dai 5 ai 55 anni, di cui 15 in carrozzina.” esordisce così il responsabile del Camp, il dott. Divo, socio del Rotary club Muggia “ ci sono state anche nuove collaborazioni come con l’ICTP, l’International centre for theoretical physics e con il FairPlay Asd per offrire agli ospiti nuove iniziative. Dato il successo riscosso, da un paio d’anni, si svolgono ben due settimane di camp la prima gestita dai club Giuliani insieme al Distretto 2060 e la seconda dai club sloveni riuscendo così ad accogliere un maggior numero di ospiti”.

Un’iniziativa lodevole che riempie il cuore di chi lo vive e di chi legge questa storia.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore