13.09.1018 – 10.20 – E’ stato presentato ufficialmente ieri pomeriggio il programma del “51° Incontro Nazionale di Studi delle Acli”, che si terrà presso la Stazione Marittima di Trieste nelle giornate di giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 settembre.
L’incontro si aprirà quindi oggi pomeriggio, alle ore 16.00 con alcuni interventi e con i saluti istituzionali. A presenziare per il Comune di Trieste vi saranno anche il sindaco Roberto Dipiazza e l’assessore alle Politiche sociali di Trieste, Carlo Grilli.
Nel pomeriggio di venerdì 14, con orario anticipato (dalle 14.30), si terrà inoltre una tavola rotonda sulle fratture della politica durante la quale interverrà il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e a cui prenderanno parte anche Graziano Del Rio, Mariastella Gelmini e Roberto Speranza.

Alla conferenza stampa di ieri è intervenuto l’assessore Carlo Grilli, che ha evidenziato il forte impegno di Trieste sul fronte del “welfare” e ribadito l’impegno a condividere, collaborare e partecipare insieme ad un processo di sviluppo della città. Presenti anche il presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini, il presidente delle Acli di Trieste, Cristiano Cozzolino, il presidente delle Acli del Friuli Venezia Giulia, Erica Mastrociani e la coordinatrice dell’Incontro Nazionale di Studi 2018, Paola Vacchina.

Il tema dell’incontro, “Animare la città“, sottolinea la volontà di “rendere lo spazio urbano in cui tutti viviamo un luogo vivo e vivace, un crocevia di storie e di culture, di persone e di eventi. Ma vuol dire anche aiutare la città a scoprire ed alimentare la sua anima, la sua missione, ciò che ha resistito come un bene prezioso al corso della storia e che costituisce il suo nucleo pulsante”. Il concetto di città quindi non è inteso dalle Acli solamente come uno spazio abitato, ma come il simbolo della loro visione politica: una città intesa come Civitas latina, che non mette al centro l’identità dei soggetti o la medesima origine, ma la condivisione di un obiettivo comune e la relazione tra le persone.