21.09.2018 – 10.20 – Si è svolta ieri, la visita del Principe Emanuele Filiberto a Trieste, che nell’ambito di una serie di incontri ed iniziative commemorative in occasione dei cent’anni dalla fine della prima guerra mondiale, ha visitato i principali siti e luoghi della memoria presenti sul nostro territorio.
Il Principe, dopo aver reso omaggio in mattinata al Sacrario di Redipuglia, ha poi incontrato presso il Comune di Trieste, il sindaco Roberto Dipiazza. All’incontro era presente anche l’assessore Giorgio Rossi.

Durante l’incontro il sindaco Dipiazza ha illustrato al rappresentante di Casa Savoia, la situazione geo-economica di Trieste e le sue attuali molteplici potenzialità e concrete prospettive di sviluppo, dalla portualità in ripresa, alle possibilità offerte dalla nuova “Via della Seta” con la Cina, fino alle eccellenze scientifiche, alla cantieristica, al forte rilancio del turismo e alle opportunità di riuso del Porto Vecchio.

Anche il Principe Emanuele Filiberto, che si è dichiarato desideroso di una più approfondita conoscenza del nostro territorio, ha illustrato al sindaco gli scopi della sua visita, di omaggio alla storia, ma anche di supporto ad alcune iniziative di solidarietà a cura di Casa Savoia.

Dopo l’incontro al Municipio di Trieste, che si è concluso con uno scambio reciproco di doni, lo stemma rossoalabardato della città da parte del sindaco, ricambiato da una targa ricordo con stemma sabaudo dal componente dell’ex famiglia reale italiana, il programma di Emanuele Filiberto, accompagnato dall’assessore Giorgio Rossi, è proseguito con una serie di visite al Castello di Miramare, a San Giusto e all’IRCI (Istituto Regionale per la Cultura Istriano Fiumano e Dalmata) per rendere poi omaggio ai luoghi rappresentativi delle tragedie che sono avvenute durante il corso del 900 sul nostro territorio, la Risiera di San Sabba e la Foiba di Basovizza