20.8.18 | 10.58 – Martina, classe ‘97.
Studentessa diligente, vincitrice di numerosi concorsi letterari, scrittrice di libri, cantante.

Ha frequentato un liceo scientifico che, forse, un po’ stretto le andava.
Ma quando ci si accorge che la scuola che si sta frequentando non è quella giusta? Che si fa? Le possibilità sono infinite. Martina ha scelto di non mollare, di continuare dritta per la sua strada, anche se non è stata certo una passeggiata. Alla fine però ce l’ha fatta.

Si è diplomata. Quello era l’importante.

E dopo la matura è iniziata la vita vera, quella delle scelte. E anche qui non è facile. Per nessuno.

Ci sono voluti ben due anni perché Martina capisse la strada da seguire e in questi due anni è cresciuta. Ora non è più la ragazzina timida che arrossiva per un nonnulla, che aveva poca fiducia in se stessa che pensava che gli altri fossero sempre più bravi di lei. Ora è una piccola donna, che a forza di delusioni, pianti, sorrisi e gioie sta inseguendo la sua meta. Ha provato con tutta se stessa a rimanere a Trieste: ha inviato centinaia di curriculum (in fin dei conti era una diplomata del Liceo Oberdan), ha preso parte a concorsi, insomma non è stata certo con le mani in mano (non è proprio da lei). Ma dopo aver trovato tutte le porte chiuse, una notte ha deciso di diventare una Au pair.

Martina Milokanovic
Martina Milokanovic

La sua prima scelta era l’Australia, che però ha scartato perché tra le mansioni richieste c’era la guida dell’auto e lei, da neopatentata, non se l’è sentita. Seconda scelta: l’England e in men che non si dica aveva già pronte valigie e biglietto aereo. La famiglia presso la quale è rimasta per ben 11 mesi le ha richiesto molto impegno, ma Martina, contrariamente alla maggioranza di quelli che ci circondano non si lamenta (siamo circondati da lamentosi cronici). Durante la sua permanenza sul suolo inglese, oltre a tenere in ordine una casa enorme, accudire tre bambini e svolgere infinite commissioni, è riuscita ad ottenere il C2 level.

Ma non è finita qui, perché ora Martina il primo settembre inizierà la facoltà di Psicologia in Inghilterra al termine della quale vuole andare ad insegnare in una scuola inglese.

A Martina si sono aperte molte possibilità per il semplice fatto che non ha avuto paura di mettersi in gioco, perché, come sostiene caparbiamente lei: “La scelta più difficile è sempre quella più vera”.