Libri, Storie di donne, violenza e sfruttamento nel reportage “Oro rosso” di Stefania Prandi

11.07.2018 | 10.30 – Sarà presentato oggi a Trieste alle ore 18.30, presso il giardino di via San Michele (in caso di maltempo, presso il circolo Germinal di via del Bosco 52/a) il volume della scrittrice e giornalista Stefania Prandi, “Oro Rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”.

Stefania Prandi, che si occupa di questioni di genere, lavoro, diritti umani, società e ambiente, ha messo al centro del suo reportage il lavoro delle donne che raccolgono e confezionano il cibo che arriva sulle nostre tavole. Un racconto che parla delle vite delle molte lavoratrici, tra sopravvivenza quotidiana, resistenza alla violenza e coraggio delle denunce che, malgrado gli sforzi, cadono nel vuoto.

Un racconto che è un viaggio in tre Paesi, che si affacciano sul Mediterraneo, tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo: Italia, Spagna e Marocco. Qui le braccianti, non solo sono pagate meno degli uomini e costrette a turni estenuanti, ma vengono molestate sessualmente, ricattate, subiscono violenze verbali, fisiche e stupri.

Nelle pagine di “Oro rosso” si ritrovano le vite e le storie delle molte lavoratrici, che troppo spesso i media ignorano. Il libro è il risultato di un lavoro di inchiesta e documentazione durato più di due anni, con oltre centotrenta interviste a lavoratrici, sindacalisti e associazioni.

L’autrice del libro dialogherà con Marilisa Nanna e Graziana De Napoli di SfruttaZero Solidaria Bari, un progetto di autoproduzioni di salsa di pomodoro, di tipo cooperativo e mutualistico, promosso da precari/e e migranti in territori diversi, che in un’ottica intersezionale pratica quotidianamente la lotta al razzismo, al caporalato e alla precarietà.

L’iniziativa rientra nel ciclo “Her-story” organizzato da Non Una Di Meno Trieste.

Alexandra Del Bianco