“Nigun”: prosegue al Tartini la rassegna Note dai Balcani

16.05.2018 | 10.15 – Sarà dedicato al violino di Ivan Otašević e al pianoforte di Reana De Luca il prossimo concerto della rassegna Note dai Balcani, che andrà in scena oggi, giovedì 17 maggio alle 20.30, al Conservatorio Tartini. “Nigun (Aria)” il titolo del concerto, organizzato in collaborazione con Accademia delle Arti dell’Università di Banja Luka (Bosnia). La partecipazione all’evento è gratuita, ma occorre la prenotazione.

Il programma proposto dai due musicisti spazierà tra: Johann Sebastian Bach, di cui sarà proposto un estratto della Partita n. 2 in re minore BWV 1004, “Ciaccona” per violino solo; di Antonín Dvořák verrà suonata la Romanza in fa minore op. 11 per violino e pianoforte; da Johannes Brahms la Sonata in re minore op. 108 n. 3 per violino e pianoforte; Ernest Bloch con note dalla Suite ‘Baal Shem’, “Nigun” per violino e pianoforte.

Nato a Belgrado (Serbia) nel 1976, Ivan Otašević, fondatore e direttore della Banja Luka Philarmonic Orchestra, è dal 2013 docente della sezione archi dell’Università di Banja Luka. All’attività didattica, affianca l’attività concertistica con diverse orchestre d’archi e sinfoniche con le quali si è esibito in diversi Paesi d’Europa.

Reana De Luca, diplomatasi al Tartini nel 1985, ha vinto diversi premi (come il Premio Venezia e numerosi altri concorsi). Numerosi anche i suoi concerti, sia in Italia che all’estero, dove si esibisce sia in formazioni cameristiche sia come solista accompagnata da orchestra. Oltre ai concerti, svolge anche attività didattica.