Premio Lilian Caraian, i vincitori suonano al Tartini

15.05.2018 – 11.52 – Si svolgerà domani al Conservatorio Tartini, mercoledì 16 maggio, il Concerto dei vincitori della 32^ edizione del Concorso musicale dedicato all’artista Lilian CaraianSipario alle 20.30, ingresso libero e come sempre è richiesta una prenotazione allo 040.6724911 Info e dettagli www.conservatorio.trieste.it.

La giuria del concorso è presieduta dalla pianista Giuliana Gulli, camerista di fama internazionale, e sarà composta dalla Presidente della Fondazione Caraian Anna Rosa Rugliano, dalla violinista Alessandra Carani, docente di Musica da camera al Conservatorio di Trieste, dal pianista Franco Calabretto, docente di Musica da camera al Conservatorio di Udine, e dall’oboista Giuseppe Falco, docente di Musica d’insieme per fiati al Conservatorio di Trieste. I premiati si esibiranno anche venerdì 18 maggio, alle ore 17, al Conservatorio di Udine e saranno ospiti a una conviviale congiunta, organizzata dal Soroptimist e dal Rotary Club Trieste.
Ai vincitori saranno elargiti, oltre ai tradizionali premi della Fondazione Caraian, anche delle borse di studio, messe a disposizione dal Rotary Club Trieste e dal Soroptimist Club Trieste.

Il concorso si ispira alla figura di Lilian Caraian, un’artista che dispose, con il suo testamento, la costituzione di una fondazione, con lo scopo di incoraggiare e premiare i giovani particolarmente meritevoli nelle arti figurative e nella musica. La Fondazione Lilian Caraian fu costituita nel 1984 e in seguito approvata dal Presidente della Giunta della nostra Regione che, con decreto, ne confermò l’atto costitutivo e lo statuto. Lilian Caraian, nata a Trieste nel 1914, si diplomò in pianoforte nella sua città e perfezionò gli studi musicali a Roma e a Parigi. Fu insigne concertista a livello internazionale. Passò, nel 1952, all’insegnamento del pianoforte presso il Conservatorio Tartini, impegno che protrasse fino al 1979, dedicandosi con passione anche alle arti figurative, nelle quali acquistò una fama che valse alle sue opere l’accoglimento in prestigiosi musei. Artista versatile, si affermò anche come apprezzata scrittrice di poesie, attività che svolse per tutta la vita, ma con particolare intensità nel decennio che va dal 1943 al 1952. Morì nel 1982 e lasciò disposto che i suoi beni venissero devoluti ad una fondazione, da costituirsi allo scopo di premiare studenti e diplomati nelle arti musicali e figurative.