13.7 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

Rossetti, la rock opera “Green Day’s American Idiot” inaugura il cartellone Musical

14.11.2017 | 19.40 – Il cartellone Musical del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia si apre, giovedì 16 novembre, nel segno dell’energia graffiante e incandescente della musica punk-rock dei Green Day: “Green Day’s American Idiot” è infatti il primo, attesissimo titolo, una produzione italiana di alta qualità, tutta declinata nel segno dell’energia, delle sregolatezze e della rabbia giovanile. Sono infatti giovani (per il regista non è importante che abbiano una fama e ha cercato piuttosto fra i migliori talenti usciti dalle scuole di musical italiane e in particolare dalla STM – Scuola del Teatro Musicale, Fondazione Teatro Coccia), e sono bravissimi e accuratamente preparati gli interpreti scelti da Marco Iacomelli, che seguendo la medesima formula, ha firmato anche “Next to Normal”, una delle più interessanti e apprezzate produzioni delle stagioni recenti.

Questa rock opera, tutta costruita sull’omonimo concept album dei Green Day, è stata accompagnata fin dal debutto negli Stati Uniti da successo, accoglienze strepitose e da premi ambitissimi (nel 2010 ha ottenuto due Tony Awards, il Grammy come miglior Musical Show Album ed il Drama Desk): lo spettacolo in programma al Politeama Rossetti è la terza produzione al mondo realizzata, dopo quelle di Broadway e di Londra. Tutto è iniziato nel settembre del 2009 quando sulle musiche di “American Idiot” – il fortunatissimo album del 2004 (15 milioni di copie vendute), ispirato alla epica rock opera “Tommy” degli Who  – Billie Joe Armstrong e Michael Mayer (che firmò la prima regia) crearono lo spettacolo e lo “vararono” al Berkeley Repertory Theatre, nella città natale dei Green Day. Sei mesi dopo era un successo di Broadway e da allora la sua corsa non si è fermata, raggiungendo ora l’Italia.

Oltre alla indiscutibile forza delle musiche dei Green Day, è potente e coraggioso anche l’affresco della realtà che gli autori offrono in questo musical, tutto concentrato sulla difficile realtà che vivono i giovani di oggi, delusi dall’assenza di prospettive delle periferie, arrabbiati, abulici, o sfrenati, attratti dai falsi incanti di droghe e successi facili, abbandonati a sé stessi… È forte la critica sociale e politica, rivolta inizialmente agli atteggiamenti di Bush ma oggi sicuramente “declinabili” sul nuovo e discusso presidente americano. Ma nel musical non c’è solo protesta: si lascia spazio accanto alle durezze della vita, all’utopia dell’amore e a uno sguardo di speranza – forse – allungato verso il futuro.

L’edizione italiana è realizzata in modo ammirevole e meticoloso: band dal vivo, canzoni in versione originale, scenografia ispirata alla pittura di Basquiat, coreografie di Michael Cothren Peña, (che ha creato per le Cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi Olimpici di Baku 2017 e di Sochi), effetti video…

Senza particolari connotazioni di tempo, il plot si svolge alla periferia di Jingletown. Un gruppo di giovani ribelli non si riconosce in quei ritmo e rifiuta decisamente il modello dell’“American Idiot”, il “cittadino tipo” che si lascia controllare dai media e convincere su tutto (American Idiot). Del gruppo fanno parte tre amici: Johnny, il “Jesus of Suburbia”, Will e Tunny – figli della generazione degli anni ’90 – annoiati e arrabbiati, vivono di birra e sregolatezze (Jesus of Suburbia). Finalmente decidono di lasciare l’ipocrita periferia, priva di prospettive, per provare a realizzarsi in città. Nel frattempo si scopre però che Heather, la ragazza di Will, è incinta, così Johnny e Tunny partono senza di lui (Holiday).

Scoprendo la grande città, Johnny, pieno di speranze e progetti, scorge ad una finestra una ragazza che lo affascina molto (Boulevard of Broken Dreams), mentre Tunny si fa conquistare da spot patriottici, sogna di essere il figlio prediletto dell’America (Favorite Son) e, arruolatosi, va a combattere in medio-oriente (Are We the Waiting).

Rimasto solo nella metropoli, Johnny fa i conti con le proprie fragilità attraverso il suo alter ego ribelle, St. Jimmy, “santo patrono del dissenso”, che in realtà lo spinge sulla via della droga e della perdizione, illudendolo con ragazze, sballo e divertimento (St. Jimmy).

Intanto, a Jingletown Will non si interessa della gravidanza della sua ragazza, ed in zona di guerra, Tony resta ferito. Le cose vanno meglio a Johnny, in città, che riesce a conoscere la ragazza della finestra e a passare con lei la notte (Give Me Novocaine): la chiamerà “Whatsername” ed inizierà con lei una relazione (Last of the American Girls / She ‘s a Rebel). Il suo alter ego però, sentendosi escluso, lo spinge a iniziare anche la ragazza alla droga. In periferia nasce il figlio di Will, ma lui è un padre indifferente (Last Night on Earth), tanto che Heather, esasperata da quest’atteggiamento, lo lascia (Too Much, Too Soon). Nel frattempo Tunny, ricoverato in un ospedale militare, realizza come la realtà della guerra non sia affatto quella dei sogni o degli spot (Before the Lobotomy): si innamora della sua infermiera che vede come un angelo a causa delle allucinazioni da antidolorifici (Extraordinary Girl).

Mentre Whatsername dorme, Johnny le dichiara il suo amore in una canzone (When It’s Time), ma nonostante la forza di questo sentimento, non riesce a vincere la schiavitù della droga e finisce per rischiare la propria vita e quella della ragazza (Know Your Enemy). Vanno a rotoli anche le esistenze di Tunny (che subisce un’amputazione) e di Will ormai rimasto solo (21 Guns). Johnny scrive a Whatsername che le preferisce la droga e le illusorie prospettive dell’alter ego: nemmeno la disperazione della donna che cerca di convincerlo che si tratta solo di una proiezione mentale, sembra toccarlo così lei fugge via (Letterbomb). Ma la partenza di Whatsername sconvolge Johnny che finalmente riconosce come la sua vita sia fondata sul nulla. È il momento della verità per i tre amici: Tunny vuole tornare a casa e Will rimpiange tutto ciò che ha perso (Wake Me Up When September Ends). Sebbene lontani, i tre fanno i conti con i loro demoni (Homecoming) e capiscono di essere cambiati, cresciuti (Whatsername): chissà se sapranno fare tesoro di queste dure esperienze per il futuro (Good Riddance – Time of Your Life).

“Green Day’s American Idiot” è interpretato da Ivan Iannacci (Johnny), Renato Crudo (Tunny), Luca Gaudiano (Will), Mario Ortiz (St. Jimmy), Laura Adriani (Whatsername), Angela Pascucci (Heather), Giulia Dascoli (Extraordinary Girl), Daniele Venturini (Joshua), Alessia Genua (Alysha), Alessandro Prota (Theo), Gioia Formica (Christina), Dario Cao (Gerard), Daniele Volpin (Miguel), Asia Bosio (Mary), Matteo Morigi (Ben), Giulia De Angelis (Libby), Matteo Chippari (Declan), Simona Gugnali (Rebecca), Massimiliano Perticari (Andrew), Ketty Panarotto (Leslie), Dario Ianne (Brian).

La band dal vivo è composta da Riccardo Di Paola (direzione e tastiere), Roberta Raschellà  (chitarre), Orazio Nicoletti (basso), Marco Parenti (batteria). Ha curato l’arrangiamento musicale e  l’orchestrazione Tom Kitt, firma la supervisione musicale Simone Manfredini, la direzione musicale è Riccardo Di Paola. Le coreografie sono di Michael Cothren Peña, le scene di Gabriele Moreschi, le illustrazioni (ispirate alle opere di Basquiat) di Rosemary Amodeo. Ha creato i video Antonio Simone Giansanti, i costumi e il trucco sono di Maria Carla Ricotti, firma il disegno luci   Valerio Tiberi ed il disegno fonico è di Donato Pepe.

Francesco Marchesi è il regista collaboratore, la consulenza artistica è di Andrea Ascari, il regista Marco Iacomelli ha curato anche la traduzione e l’adattamento. Lo spettacolo è una co-produzione STM – Scuola del Teatro Musicale, Fondazione Teatro Coccia e Reverse Agency (il produttore esecutivo è Davide Ienco, produttori sono anche Fabio Boasi e Alessio Boasi).

“Green Day’s American Idiot” va in scena per il cartellone Musical del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia alla Sala Assicurazioni Generali del Politeama Rossetti nelle serate di giovedì 16 e venerdì 17 novembre alle ore 20.30.

Gli attori e il regista di “American Idiot” incontreranno il pubblico venerdì 17 novembre alle ore 17 al Politeama Rossetti: l’ingresso è libero.

Gli ultimi biglietti per lo spettacolo si possono acquistare presso tutti i punti vendita del Teatro Stabile regionale e naturalmente anche attraverso il sito www.ilrossetti.it. Attraverso gli stessi canali si possono acquistare ancora molte tipologie di abbonamento alla Stagione del Teatro Stabile che proseguirà sabato 18 novembre con il concerto di Ute Lemper e dal 22 novembre con lo spettacolo dei Blue Man Group.

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore