Serracchiani dopo critiche gip Nicoli: “sentito addosso quanto possano essere pesanti parole di un giudice”

7.4.17 | 16.15 – “Ho sentito addosso a me, non da pubblico amministratore, ma proprio da persona e da cittadina quanto possano essere pesanti le parole di un giudice”. A scriverlo la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, in una lettera aperta di risposta a quella nella quale ieri il gip di Trieste, Giorgio Nicoli, spiegava che nelle critiche che aveva espresso su di lei su Facebook ( il post era stato poi cancellato) non era sua volontà “interagire e/o interferire nella dialettica politico-partitica”.

Nella lettera – riferisce l’Ansa – pubblicata oggi da “Il Piccolo”, Serracchiani fa riferimento al post di Nicoli (nel quale il magistrato l’aveva definita “supponente e inconsistente” e “un errore della Storia e basta”) e ricorda “l’importanza fondamentale della terzietà e imparzialità della magistratura”, principio – aggiunge Serracchiani rivolgendosi a Nicoli – che “si rivolge ai molti che possono ritenere più attendibili di altri i giudizi da lei formulati, in quanto scanditi da un’autorità che, quando parla, si esprime per sentenze”.