20.6 C
Trieste
venerdì, 30 Settembre 2022

Si conclude la settima edizione di Trieste Fumetti per Gioco

14.11.16| 15.46- Si è conclusa la domenica sera del 13 la settima edizione della fiera di fumetti&gaming organizzata dal lontano 2009. Fumetti per Gioco, dalle sue prime edizioni, è cresciuta e maturata, superando l’iniziale sistemazione alle Torri, spostandosi verso l’ex Pescheria e approdando infine alla professionalità del PalaChiarbola.

La nuova edizione presenta una fieramista“, un piatto forte di fumetti e giochi da tavolo, accompagnati con i contorni di esposizioni live, di musica e di conferenze, senza dimenticare un’abbondante spolverata di cosplay di grande eccellenza. Padre e modello irraggiungibile, come da tradizione in questo genere di fiera, è ovviamente il Lucca Comics and Games: tuttavia Fumetti per Gioco afferma una sua identità ben distinta, un suo timbro di voce che si può finalmente definire “adulto”, dopo gli anni adolescenziali passati a imitare altri simili festival.

trieste fumetti per gioco

Al sabato pomeriggio il pubblico, piuttosto nutrito, proveniva sia dalla Regione che dalla Slovenia; l’affluenza era decisamente notevole, pur senza l’intralcio di più famose fiere. All’entrata, acquistato il biglietto, un’anticamera disponeva della segreteria con i banchetti e i depliant, oltre a una tanto gradita quanto pratica area ristoro.

Il salone del Palasport presentava al visitatore un’iniziale zona di espositori, con fumetterie di massa e di nicchia, oltre ai primi negozi di giochi da tavolo, mentre a destra si poteva accedere all’area Youtuber e agli affollatissimi banchetti dell’Accademia del Fumetto.

Nell’occasione di Fumetti per Gioco, l’Accademia ha infatti presentato uno dei suoi ultimi lavori, l’Asburgico Uberfranz. Si tratta di un velocissimo fumetto nato dalle fervide mani e menti di Riosa, Cavallari e Vergerio: in una Trieste alternativa (ma non troppo…) il supereroe Uberfranz deve combattere l’Uomo Cinghiale. Sceneggiato completamente in triestino, disegnato col tratto cinetico dei supereroi d’oltrape, è stato un grande successo. Stando alla relativa pagina Facebook, si contano ormai più di 450 copie vendute, il cui ricavato andrà in beneficenza all’ospedale infantile Burlo Garofolo.

asburgico uber franz

La sezione accoglieva anche gli ospiti alla Fiera: Fabrizio Capigatti (Capitan Venezia, la Lupa), Elena Zanzi e Federica DiMeo (Somnia, della Panini Comics), Fabio Babich (Dragonero), Diego Fichera (Ac Press), Christian Urgese (ChEdizioni). Che fosse questa una delle aree piùtriestine” e nel contempo più affollate riconferma il carattere finalmente “originale” della Fiera.

Ospite speciale, sia sul palco che nell’area special guests, Luigi BIGIO Cecchi, l’autore noto per l’eroe comics facebookiano “Drizzit“, che ha firmato a man bassa autografi per tutta la durata di Fumetti per Gioco.

Al centro del Salone invece i tavoli per le esposizioni, con possibilità di partite a wargaming, oltre allo stand del Giappone (un rif. al Japan Town/Japan Palace di lucchese memoria?) con l’Associazione giapponese YU JO, diversi laboratori di attività nipponiche e l’associazione di Scherma medievale Septmem Custodie.

Nella saletta adiacente e sotterranea al salone principale, infuriavano invece diversi tornei di giochi di carte e da tavolo: un evento imponente, reso possibile solo dalla collaborazione incrociata di più realtà, tra le quali figurano in particolare Fantasylandia, I Cavalieri dell’Esagono e per il videogiocare il Gruppo retrogaming 12Bit.

Considerando la crescita di qualità e quantità dell’offerta, l’augurio per la prossima edizione di Fumetti per Gioco è di allargare anche i tempi, magari spalmando la manifestazione al pomeriggio del venerdì, o anticipando direttamente alla mattina del sabato.

spot_img
Avatar
Zeno Saracinohttps://www.triesteallnews.it
Giornalista pubblicista. Blog personale: https://zenosaracino.blogspot.com/

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore