25.7 C
Trieste
lunedì, 27 Giugno 2022

Carini, “Bavisela verso lo stop. Fatale l’operato dell’accoppiata Bandelli-Benedetti”

30.11.16| 10.56- Asd Bavisela si ritrova in gravi difficoltà finanziarie per un avviso di accertamento ricevuto ieri, 29 novembre, ma relativo al lontano 2007, quando la società era presieduta da Enrico Benedetti. L’Agenzia delle Entrate ha infatti comminato una serie di sanzioni pari a 105.265,58 euro, oltre a imposte, interessi e spese di notifica per uno straordinario importo complessivo di 219.429,53 euro.

La causa, stando al documenti dell’Agenzia, sono le azioni imputate agli amministratori dell’epoca, Enrico Benedetti e Franco Bandelli, citati come co-obbligati in solido e rispettivamente identificati quale presidente e rappresentante legale pro tempore e rappresentante legale, negoziale o di fatto di Asd Bavisela nell’anno di imposta 2007.

“Convocheremo quanto prima l’assemblea dei soci – annuncia Fabio Carini, attuale presidente di Asd Bavisela dal dicembre 2011 – per valutare la situazione ed assumere le conseguenti decisioni. Di certo, come troppo spesso accade in Italia, è palese come le colpe dei padri fondatori ricadano sui figli incolpevoli che, cinque anni or sono, si sono assunti l’onere e l’impegno di rilanciare un evento moribondo fino a trasformarlo in grande evento internazionale con ricadute economiche sul territorio valutabili in 7-9 milioni di euro”.

“Nel frattempo – aggiunge Carini – ho provveduto ad aggiornare le istituzioni, in particolare Comune e Regione, in merito ad una situazione rispetto alla quale erano già stati posti a conoscenza dopo la conclusione delle indagini da parte della Guardia di Finanza. A questo proposito, sono certo che tutti faranno la loro parte nell’interesse di Trieste e del Friuli Venezia Giulia”.

“Contestualmente – conclude l’attuale presidente di Asd Bavisela – condividerò con il Consiglio direttivo e il Revisore dei conti l’opportunità di un immediato stop precauzionale di tutte le attività calendarizzate da Asd Bavisela. Game Over, almeno per ora”.

spot_img

Ultime notizie

Dello stesso autore