18.9 C
Trieste
domenica, 25 Settembre 2022

SAN GIORGIO DI NOGARO E’ LA NUOVA FUCINA DI SCHERMIDORI

28/02/2014 – GEMINA SCHERMA, IL SUCCESSO GRAZIE A TRIESTE.
Matteo Gallo è come detto l’esponente principale della triestinità all’interno della Gemina Scherma, ma non è certamente l’unico frammento giuliano nel puzzle della società di San Giorgio di Nogaro fondata nel 1968.

 

Oltre a lui c’è da ricordare anche il giovanissimo Francesco De Robbio, un classe ’96 che ha già dimostrato di avere la stoffa del campione e che ha sicuramente un gran futuro davanti a sé. Anche lui è stato tra i protagonisti dello strepitoso successo dei campionati italiani di A2 a squadre di quest’anno, assieme a Giulio Galasso, Michele Popessa e al già citato capitano.
La società di San Giorgio deve parte del suo successo alla nostra città, in quanto fondamentale è stato il sodalizio avvenuto nel 1987 con la F.A.R.I.T. di Trieste, una fusione che ha portato la Gemina a farsi conoscere nel resto d’Italia e a raggiungere i vertici delle classifiche nazionali grazie all’apporto dei “nostri” Francesco Granbassi, Manlio Granbassi (entrambi convocati in azzurro per la coppa del mondo under 20) e la famosa Margherita Granbassi (campionessa del mondo).
“Certo, la location a San Giorgio non è molto comoda e all’inizio scoraggia chiunque, i viaggi sono continui e faticosi; ci alleniamo ogni giorno per tre ore, ma è un sacrificio che si sopporta facilmente, se questi sono i risultati..” assicurano gli schermidori triestini.
La società ha un ottimo settore giovanile e si sta facendo conoscere a suon di titoli italiani ed è l’unica in tutto il nord Italia a poter vantare una squadra di sciabola maschile in serie A1 e una di sciabola femminile in A2, nonché diversi atleti presenti nelle rispettive rappresentanze nazionali.

Alexandra Del Bianco

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore