13.7 C
Trieste
martedì, 4 Ottobre 2022

La fisica come ponte tra ricerca scientifica ed industria

RICERCA Analizzati durante un meeting all’ICTP lo stato dell’arte e le possibili ricadute della ricerca in ambito fisico sul mondo dell’industria 

23.4.2012 | 17.11 – Esponenti del mondo della ricerca, dell’industria, dell’accademia e del governo si sono riuniti all’ICTP -Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics- di Trieste tra il 16 ed il 19 Aprile per un forum sulla ricerca e sulle questioni di indirizzo riguardanti la comunità delle scienze fisiche.

 

L’edizione 2012 dell’IPF -Industrial Physics Forum- è stata organizzata dall’ICTP in collaborazione con l’AIP -American Institute of Physics- e con Trieste Next – European Innovation and Science Research Forum.

Tema del forum è stato lo ‘Sviluppo delle capacità della fisica industriale nelle economie emergenti’. L’obbiettivo è di allargare le opportunità della ricerca applicata e industriale promuovendo i contatti tra scienziati e industria alla luce della crescente globalizzazione dello sviluppo tecnologico e per rendere tale processo sostenibilie.

Un altro importante obbiettivo di questo forum, secondo il codirettore dell’evento Philip W. Hammer dell’AIP, riguarda i partecipanti provenienti da paesi in via di sviluppo. «Vogliamo dare a questi paesi la capacità di elaborare strategie efficaci per rafforzare il ruolo giocato dalla fisica nello sviluppo economico dei loro paesi, ed in particolare, delle loro istituzioni».

Gli IPF si tengono annualmente al fine di favorire saldi legami tra le comunità di fisica industriale ed accademica e per mostrare all’una i bisogni e le capacità dell’altra. Quello del 2012 è sato il primo evento ad essere tenuto al di fuori degli Stati Uniti e, secondo lo scienziato dell’ICTP e codirettore dell’IPF 2012 Joe Niemela «L’ ICTP, membro della Corporazione Associativa dell’AIP, era il partner naturale presso cui tenerlo, data l’esperienza pluriennale nel promuovere ricerca scientifica d’alto livello nel mondo e nello sviluppo di una vasta rete di scienziati, con particolare attenzione per gli stati emergenti».

Durante il forum si è tenuta anche una sessione di ‘Frontiere della Fisica’ con protagonisti scienziati impegnati nella ricerca di frontiera, come l’eminente astronomo Sir Martin Rees della Cambridge University. William Colglazier, consigliere scientifico del Segretario di Stato Americano è stato spettatore d’eccellenza del forum e durante il banchetto ha tenuto un discorso incentrato su ‘Scienza e Tecnologia: Costruire Società Innovative e la Diplomazia del 21° secolo”.

Francesco Fieramosca

spot_img

Ultime notizie

spot_img

Dello stesso autore